Cantiere biografico
degli Anarchici IN Svizzera








ultimo aggiornamento: 29/04/2022 - 11:42

FILTRI:  Solo Donne  Solo di passaggio  Solo collaboratori dall'estero  Solo non anarchici  Solo non identificati  ultime modifiche 
Cantoni:
 AI AR AG BL BS BE FR GE JU GL GR LU NE
 NW OW SG SH SO SZ TI TG UR VS VD ZG ZH
inverti selezione cantoni     vedi sigle

AI Appenzello interno
AR Appenzello esterno
AG Argovia
BL Basilea campagna
BS Basilea città
BE Berna (anche città - capitale)
FR Friborgo (anche città)
GE Ginevra (anche città)
JU Giura
GL Glarona
GR Grigioni
LU Lucerna (anche città)
NE Neuchâtel (anche città)
NW Nidwaldo
OW Obwaldo
SG San Gallo (anche città)
SH Sciaffusa (anche città)
SO Soletta (anche città)
SZ Svitto (anche città)
TI Ticino
TG Turgovia
UR Uri
VS Vallese
VD Vaud
ZG Zugo (anche città)
ZH Zurigo (anche città)
    A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z tutto       Crea un PDF 

LURAGHI Armando

Milano 1883 da Giulio - Vigevano, maggio 1911

Nel maggio 1904 assume per pochi numeri la gerenza de Il Grido della Folla. Da allora si apre una spirale continua di denunce, processi e condanne. [GB: Viene arrestato a Milano, proveniente da Lugano - Risv. 5.11.1904]. Infatti nel settembre 1904 viene accusato di aver ucciso una persona all'uscita di una birreria, di aver colpito un agente, e viene condannato a circa 6 mesi di carcere. Scarcerato diventa aiutante dell'amministrazione de Il Grido della Folla, partecipa spesso a comizi popolari. Nel maggio seguente, dopo l'uccisione di Angelo Galli durante lo sciopero generale, interviene al comizio al Castello Sforzesco e pronuncia "violente frasi" che gli procurano una denuncia per istigazione a delinquere.

Ripara perciò a fine primavera 1906 in Svizzera, prima a Lugano TI, poi a Ginevra GE e nel Canton Vaud VD. Espulso (?) rientra a Milano alla fine di luglio.

Collabora a La Protesta umana di Molinari, Giacomelli, Manfredi e Longhi e alla fine del giugno 1907 diventa gerente. Arrestato perché imputato di "apologia di regicidio" e poi condannato a 1 anni di detenzione. Responsabile di "disordini e sparo di castagnole nei recenti comizi elettorali" del 1909, viene arrestato con Carlo Colombo e Angelo Ambrosoli e condannato a 12 giorni di carcere. Assume la gerenza de La Questione sociale nel settembre 1909, ed inizia a tenere conferenze con A. Borghi, Rafanelli, L. Molinari a Milano e dintorni. Ancora gerente de La Rivolta uscita il 1.1.1910.

Condannato nel maggio 1910 a 7 mesi per reati di stampa, ripara in Svizzera, nel Canton Zurigo [GB: con giri di propaganda per la Scuola Moderna, ecc.]. Rientra in Italia in settembre, a Vigevano.


FONTI:

GB / DBAI / Risv. 11.6.1910, 6.8.1910. 20.8.1910 propaganda in Svizzera / Risv. 5.11.1904 citato /




CRONOLOGIA: