Cantiere biografico
degli Anarchici IN Svizzera








ultimo aggiornamento: 07/11/2019 - 16:33

FILTRI:  Solo Donne  Solo di passaggio  Solo collaboratori dall'estero  Solo non anarchici  Solo non identificati  ultime modifiche 
Cantoni:
 AI AR AG BL BS BE FR GE JU GL GR LU NE
 NW OW SG SH SO SZ TI TG UR VS VD ZG ZH
inverti selezione cantoni     vedi sigle

AI Appenzello interno
AR Appenzello esterno
AG Argovia
BL Basilea campagna
BS Basilea città
BE Berna (anche città - capitale)
FR Friborgo (anche città)
GE Ginevra (anche città)
JU Giura
GL Glarona
GR Grigioni
LU Lucerna (anche città)
NE Neuchâtel (anche città)
NW Nidwaldo
OW Obwaldo
SG San Gallo (anche città)
SH Sciaffusa (anche città)
SO Soletta (anche città)
SZ Svitto (anche città)
TI Ticino
TG Turgovia
UR Uri
VS Vallese
VD Vaud
ZG Zugo (anche città)
ZH Zurigo (anche città)
    A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z tutto       Crea un PDF 

PAINI Adelino
Calzolaio

Parma 17.5.1888 da Giuseppe e Carolina Allodi - Parma 26.5.1950

Nel novembre 1903 è arrestato a Milano per motivi di polizia e rimandato a Parma con foglio di via obbligatorio. Prende parte attiva allo sciopero generale del settembre 1904 e a quello del 1. maggio 1906. Nell'ottobre 1908 viene arruolato in fanteria, ma nell'aprile 1909 diserta.
Rifugiatosi in Svizzera, viene espulso ed arrestato al confine nel maggio di quell'anno e sconta 1 anno di carcere militare.
Nel 1924 ripara in Francia insieme a Marzocchi e si stabilisce a Marsiglia, poi a Parigi ed infine in Belgio dal 1930, dove milita nel gruppo anarchico degli emigrati italiani. Nel novembre 1935 è a Parigi dove partecipa al Convegno d'intesa degli anarchici italiani emigrati in Europa. Nel marzo 1936 viene segnalato come aderente al gruppo anarchico Pensé et action di Hem Day. In dicembre 1936 si reca in Spagna, miliziano nella Sezione italiana della Colonna Ascaso. Dopo 1 anno è di nuovo a Parigi. Nel luglio 1941 viene arrestato dalla polizia tedesca, inviato al campo di concentramento di Treviri, dove è testimone della morte di Mastrodicasa. Nel 1942 viene consegnato all'Italia, trasferito al confino di Ventotene, ecc.
Nel dopoguerra è figura stimata del movimento anarchico di Parma.

FONTI: DBAI


CRONOLOGIA: