Cantiere biografico
degli Anarchici IN Svizzera








ultimo aggiornamento: 11/12/2019 - 14:56

FILTRI:  Solo Donne  Solo di passaggio  Solo collaboratori dall'estero  Solo non anarchici  Solo non identificati  ultime modifiche 
Cantoni:
 AI AR AG BL BS BE FR GE JU GL GR LU NE
 NW OW SG SH SO SZ TI TG UR VS VD ZG ZH
inverti selezione cantoni     vedi sigle

AI Appenzello interno
AR Appenzello esterno
AG Argovia
BL Basilea campagna
BS Basilea città
BE Berna (anche città - capitale)
FR Friborgo (anche città)
GE Ginevra (anche città)
JU Giura
GL Glarona
GR Grigioni
LU Lucerna (anche città)
NE Neuchâtel (anche città)
NW Nidwaldo
OW Obwaldo
SG San Gallo (anche città)
SH Sciaffusa (anche città)
SO Soletta (anche città)
SZ Svitto (anche città)
TI Ticino
TG Turgovia
UR Uri
VS Vallese
VD Vaud
ZG Zugo (anche città)
ZH Zurigo (anche città)
    A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z tutto       Crea un PDF 

PANCIROLLI Giuseppe
Merciaio, commesso


Milano 1861 - S'ignorano
...

Dal 1872 si stablisce a Verona. Nell'ottobre 1894 viene fermato dalla polizia ed accusato di aver lanciato grida inneggianti all'anarchia durante una pubblica conferenza.

Nel 1895 si reca con De Franceschi in Svizzera, prima a Rotkreuz /ZG lavorando presso il fotografo Anselmini, poi a Oberentfelden /AG. Rintracciati dalla polizia elvetica, vengono sottoposti a una severa sorveglianza. Espulso dalla Svizzera con decreto del Consiglio federale 7-11 ottobre 1898 (con altri 4 anarchici: Bass, Gino, Maneffa, Miazza), si reca in Francia, poi espulso nel 1899.

Ritorna a Verona, poi a Firenze nel 1901 lavorando come commesso. Nel 1907 fa attiva propaganda delle dottrine socialiste ed è tra i fondatori della locale sezione socialista Elisa Negrini. Nel 1914 è consigliere comunale socialista di Verona.

FONTI:
GB // Andrea Dilemmi, "Il Naso rotto di Paolo Veronesi...", BFS, Pisa 2006 // DBAI // Decreto di espulsione del CF de 7/11 ottobre 1898 //



CRONOLOGIA: