Cantiere biografico
degli Anarchici IN Svizzera








ultimo aggiornamento: 19/08/2022 - 17:35

FILTRI:  Solo Donne  Solo di passaggio  Solo collaboratori dall'estero  Solo non anarchici  Solo non identificati  ultime modifiche 
Cantoni:
 AI AR AG BL BS BE FR GE JU GL GR LU NE
 NW OW SG SH SO SZ TI TG UR VS VD ZG ZH
inverti selezione cantoni     vedi sigle

AI Appenzello interno
AR Appenzello esterno
AG Argovia
BL Basilea campagna
BS Basilea città
BE Berna (anche città - capitale)
FR Friborgo (anche città)
GE Ginevra (anche città)
JU Giura
GL Glarona
GR Grigioni
LU Lucerna (anche città)
NE Neuchâtel (anche città)
NW Nidwaldo
OW Obwaldo
SG San Gallo (anche città)
SH Sciaffusa (anche città)
SO Soletta (anche città)
SZ Svitto (anche città)
TI Ticino
TG Turgovia
UR Uri
VS Vallese
VD Vaud
ZG Zugo (anche città)
ZH Zurigo (anche città)
    A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z tutto       Crea un PDF 

SCALTRI Attilio

Impiegato di commercio, commesso viaggiatore, direttore d'azienda industriale



Verona 13.2.1872 da Carlo e Pellegrina Bianchini - Bologna 12.9.1936 .

Figli Carlo e Guido (vedi)

Conosciuto nell'ambiente anarchico è in relazione con Borghi, Malatesta, Fabbri, ecc. nel primo decennio del Novecento. Durante il primo conflitto mondiale a Bologna si adopera per aiutare i disertori: i suoi figli Guido* (vedi) e Carlo non si presentano alle armi, riparando in Svizzera e a casa sua nel 1917 sono arrestati alcuni disertori [GB: Infatti dal 1917 risulta schedato come anarchico nel Casellario politico centrale di Roma]. Quindi nel giugno 1918 viene inviato al domicilio coatto a Potenza, da cui ritorna nel gennaio 1919.
Nel dopoguerra partecipa a tutti i Congressi dell'UAI. Nel novembre 1920 in una perquisizione gli trovano in casa diverse armi: 90  giorni di detenzione. Nel marzo 1933 informatori di polizia segnalano l'iniziativa per un ricordo marmoreo da erigere alla memoria di Malatesta: l'incaricato della raccolta dei fondi sarebbe proprio Scaltri, che si reca a volte in Svizzera, a visitare i figli e le loro famiglie a Zurigo e Lucerna, accompagnato dalla moglie Caterina. Per il Primo maggio 1935 un informatore segnala la sua presenza a Zurigo, dove porge un saluto all'oratore, Luigi Bertoni. In seguito a questo rapporto gli viene revocato il passaporto e diffidato.

(vedi scheda del figlio, Guido Scaltri*, domiciliato a Zurigo).
 


FONTI:

GB // DBAI // Risv. 17.10.1936 per la morte //




CRONOLOGIA: