Cantiere biografico
degli Anarchici IN Svizzera








ultimo aggiornamento: 19/08/2022 - 17:35

FILTRI:  Solo Donne  Solo di passaggio  Solo collaboratori dall'estero  Solo non anarchici  Solo non identificati  ultime modifiche 
Cantoni:
 AI AR AG BL BS BE FR GE JU GL GR LU NE
 NW OW SG SH SO SZ TI TG UR VS VD ZG ZH
inverti selezione cantoni     vedi sigle

AI Appenzello interno
AR Appenzello esterno
AG Argovia
BL Basilea campagna
BS Basilea città
BE Berna (anche città - capitale)
FR Friborgo (anche città)
GE Ginevra (anche città)
JU Giura
GL Glarona
GR Grigioni
LU Lucerna (anche città)
NE Neuchâtel (anche città)
NW Nidwaldo
OW Obwaldo
SG San Gallo (anche città)
SH Sciaffusa (anche città)
SO Soletta (anche città)
SZ Svitto (anche città)
TI Ticino
TG Turgovia
UR Uri
VS Vallese
VD Vaud
ZG Zugo (anche città)
ZH Zurigo (anche città)
    A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z tutto       Crea un PDF 

SQUADRANI Edel

Savignano sul Rubicone 13.11.1881 da Francesco e Giovanna Colli - Verrucchio 22.9.1964

Segue il padre anarchico a Udine e Trieste, poi nel 1906 è a Zurigo, dove alla contestazione che il triestino Scutis, arrestato per fabbricazione di bombe, era in possesso del suo passaporto, risponde che il documento gli era stato sotratto da sconosciuti. Poi a fine 1906 viene espulso da Fiume. Si sposta a Trieste, Milano, Zurigo ZH.
Condannato a Milano a 2 mesi nel 1908 per offesa al culto cattolico, nel 1909 emigra clandestinamente a Trieste, condannato nuovamente nel 1910 per oltraggio ai carabinieri, collabora a L'Agitatore di Bologna, organizza il gruppo libertario di Rimini invitando alla diserzione alla guerra di Libia. Chiamato alle armi nel 1917 diserta e viene arrestato in dicembre, condannato nell'agosto 1918 a 15 anni di reclusione dal Tribunale di guerra di Venezia, beneficiando poi dell'aministia di Nitti del settembre 1919.

Verso la fine del 1922 emigra clandestinamente in Svizzera per sfuggire a un mandato di cattura spiccato a suo carico per l'uccisione di una fascista a Cesenatico e per il mancato omicidio di altre 3 seguaci di Mussolini. Viene arrestato nel Cantone Sciaffusa per mancanza di documento di identità.

Denunciato dall'Italia per altri morti fascisti, fugge poi in Francia, Belgio, Olanda, Germania.
Nel 1931 è in Spagna. Poi si stabilisce a Marsiglia insieme a Maria Amalia Melli, sorella della compagna di Malatesta. Nel 1934 è sospettato di voler compiere un attentato in Italia, insieme a Barbieri, Boccardi, Franchi. Nell'estate 1936 parte per la Spagna come miliziano nella Sezione italiana della Ascaso. Nel febbraio 1937 è in Francia dove è arrestato per rottura del bando di espulsione, condannato dal Tribunale di Ceret a 2 mesi di prigione. Nel mese di maggio lavora in Catalogna in una fabbrica, nel 1938 è in Francia e viene nuovamente arrestato per rottura del bando e condannato a 1 anno di carcere dal tribunale di Aix En Provence; la sua compagna MELLI, che gli ha dato asilo, viene condannata a 2 mesi di carcere.
Nel dopoguerra rientra in Italia, partecipando all'attività del movimento.


FONTI:

GB / DBAI / Risv. 17.12.1938 per l'arresto in Francia / Risv. 20.1.1934 / Rév. 23.6.1928 / Risv. 14.11.1931 /




CRONOLOGIA: