Cantiere biografico
degli Anarchici IN Svizzera








ultimo aggiornamento: 19/08/2022 - 17:35

FILTRI:  Solo Donne  Solo di passaggio  Solo collaboratori dall'estero  Solo non anarchici  Solo non identificati  ultime modifiche 
Cantoni:
 AI AR AG BL BS BE FR GE JU GL GR LU NE
 NW OW SG SH SO SZ TI TG UR VS VD ZG ZH
inverti selezione cantoni     vedi sigle

AI Appenzello interno
AR Appenzello esterno
AG Argovia
BL Basilea campagna
BS Basilea città
BE Berna (anche città - capitale)
FR Friborgo (anche città)
GE Ginevra (anche città)
JU Giura
GL Glarona
GR Grigioni
LU Lucerna (anche città)
NE Neuchâtel (anche città)
NW Nidwaldo
OW Obwaldo
SG San Gallo (anche città)
SH Sciaffusa (anche città)
SO Soletta (anche città)
SZ Svitto (anche città)
TI Ticino
TG Turgovia
UR Uri
VS Vallese
VD Vaud
ZG Zugo (anche città)
ZH Zurigo (anche città)
    A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z tutto       Crea un PDF 

SZEEMANN Harald

Storico dell'arte e curatore di mostre d'arte



Risultati immagini per szeemann

Berna BE, 11.6.1933 - Tegna TI 19.2.2005
 

Direttore del Kunsthalle di Berna dal 1961 al 1969 (da cui venne licenziato perché con Christo e Jeanne-Claude impacchettano l'edificio), poi organizzatore free-lance di esposizioni a livello europeo e mondiale. Direttore di Documenta 5 a Kassel in Germania nel 1972 (arte contemporanea), fu a lungo anche Conservatore indipendente alla Kunsthaus di Zurigo.
Membro di importanti organi culturali, dall'Academy of Arts di Berlino alla European Academy of Sciences and Arts di Salisburgo, dal 1957 organizzò esposizioni in accordo con il progetto "From vision to Nail" e con il suo concetto di "intensità a-storica dell'arte".
Organizzatore presso la Biennale di Venezia, già nel 1965, di un'importante mostra monografica su Giorgio Morandi, poi curatore nel 1975 dell'originale mostra tematica "Le macchine celibi".
Risiede a Tegna/TI dal 1974 e vive in una sorta di rispecchiamento con le visioni utopiche del Monte Verità (Ascona/TI) che indaga ed espone negli anni, arrivando a costituire nel 1978 importanti risultati a livello locale (Casa Anatta, Casa Selma, Museo Elisario).
Era stato in seguito co-organizzatore dell'Esposizione Internazionale d'Arte del 1980. Chiamato alla direzione del Settore Arti visive  di Venezia nel 1999, organizzò in quell'anno un'edizione intitolata "dappertutto", che partiva dalle premesse di "Aperto" per estendere gli spazi della Biennale oltre la storica sede dei Giardini, occupando l'Arsenale di Venezia alla Corderie alle Gaggiandre, in spazi spettacolari aperti per la prima volta al pubblico. La nomina di direttore artistico della Biennale la ricopre anche nel 2001. Poi sarà la volta a Sevilla nel 2004, nel 2005 a Bruxelles (Belgio visionario)...


FONTI:

GB // Swissinfo.ch, 19.2.2005, 13.8.2005 / wikipendia / G. Ragno, Azione 26.1.2009 /




CRONOLOGIA: