Cantiere biografico
degli Anarchici IN Svizzera








ultimo aggiornamento: 10/08/2022 - 18:34

FILTRI:  Solo Donne  Solo di passaggio  Solo collaboratori dall'estero  Solo non anarchici  Solo non identificati  ultime modifiche 
Cantoni:
 AI AR AG BL BS BE FR GE JU GL GR LU NE
 NW OW SG SH SO SZ TI TG UR VS VD ZG ZH
inverti selezione cantoni     vedi sigle

AI Appenzello interno
AR Appenzello esterno
AG Argovia
BL Basilea campagna
BS Basilea città
BE Berna (anche città - capitale)
FR Friborgo (anche città)
GE Ginevra (anche città)
JU Giura
GL Glarona
GR Grigioni
LU Lucerna (anche città)
NE Neuchâtel (anche città)
NW Nidwaldo
OW Obwaldo
SG San Gallo (anche città)
SH Sciaffusa (anche città)
SO Soletta (anche città)
SZ Svitto (anche città)
TI Ticino
TG Turgovia
UR Uri
VS Vallese
VD Vaud
ZG Zugo (anche città)
ZH Zurigo (anche città)
    A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z tutto       Crea un PDF 

DAVOLI Gaetano
Postiglione, commerciante in vini

Reggio Emilia 1835 da Antonio e M. Del Monte - Reggio Emilia 8.3.1911

Mazziniano, nel 1859 si arruola volontario nell'esercito piemontese e combatte nella battaglia di San Martino. Nel 1860 è in Sicilia con la spedizione Medici. Membro del partito d'azione nel 1865 è implicato nell'attentato al sacerdote liberale don A. Volpe e deve scontare 9 mesi di carcere. Poi ancora con i garibaldini a Bezzecca... a Creta per sostenere l'insurrezione contro i Turchi. In questa vicenda conosce Amilcare Cipriani, cui rimane legato per tutta la vita. Nel novembre dello stesso anno partecipa agli sfortunati combattimenti di Mentana e deve rifugiarsi  a Lugano/TI. Con le sommosse contadine contro la tassa del macinato del  1869 lascia la Svizzera e si aggrega alla banda mazziniana dei figli di A. Manini, poi torna ancora a Lugano. Qui entra nella banda organizzata da G. Nathan, fratello del più noto Ernesto, allo scopo di promuovere un moto a Milano. Questo tentativo fallisce, viene arrestato.
Dopo 2 mesi di prigione a Coira/GR, nell'agosto 1870 è a Londra. Con Sedan e la proclamazione della repubblica, accorre con Cipriani a Parigi e si arruola nel battaglione dei franchi tiratori... nuovamente con i garibaldini dell'armata dei Vosgi, poi alla notizia dell'insurrezione parigina del 18 marzo 1871 torna immediatmente a Parigi, partecipando alle vicende della Comune sino alla fine. Arrestato, viene condannato a  10 anni di deportazione nella Nuova Caledonia, ma poi dopo 15 mesi di detenzione viene graziato. Rientra a Reggio nel 1873, iniziando una attività di commercio in vini ed aderisce al movimento internazionalista. Più tardi sembra si sia avvicinato alle posizioni legalitarie di Prampolini.

FONTI: Emilio Gianni, L'Internazionale italiana fra libertari ed evoluzionisti /


CRONOLOGIA: