Cantiere biografico
degli Anarchici IN Svizzera








ultimo aggiornamento: 10/08/2022 - 18:34

FILTRI:  Solo Donne  Solo di passaggio  Solo collaboratori dall'estero  Solo non anarchici  Solo non identificati  ultime modifiche 
Cantoni:
 AI AR AG BL BS BE FR GE JU GL GR LU NE
 NW OW SG SH SO SZ TI TG UR VS VD ZG ZH
inverti selezione cantoni     vedi sigle

AI Appenzello interno
AR Appenzello esterno
AG Argovia
BL Basilea campagna
BS Basilea città
BE Berna (anche città - capitale)
FR Friborgo (anche città)
GE Ginevra (anche città)
JU Giura
GL Glarona
GR Grigioni
LU Lucerna (anche città)
NE Neuchâtel (anche città)
NW Nidwaldo
OW Obwaldo
SG San Gallo (anche città)
SH Sciaffusa (anche città)
SO Soletta (anche città)
SZ Svitto (anche città)
TI Ticino
TG Turgovia
UR Uri
VS Vallese
VD Vaud
ZG Zugo (anche città)
ZH Zurigo (anche città)
    A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z tutto       Crea un PDF 

GOISIS Giuseppe Giovanni

verniciatore



Verdello (Bg) 22.2.1875 da Giovanni e Angela Caterina Albani - Bergamo 2.11.1921

Arrestato e condannato più volte dal 1889 perché fuggito da casa, per contatti con diversi anarchici, ecc. Dal 1896 secondo il prefetto frequenta circoli anarchici milanesi.

ll 10.9.1896 espulso dalla Svizzera, dopo aver dimorato alcuni giorni a Bellinzona TI, essendosi trovato senza mezzi di sostentamento ed incarcerato in Italia perché contravventore all'ammonizione di vigilanza speciale.

Nuovamente condannato nel dicembre 1896 a 20 giorni di arresto e a 1 anno di vigilanza per furto e contravvenzione alla vigilanza essendosi reso latitante dal 6 ottobre. Nel febbraio 1897 condannato dal Tribunale di Milano a 14 mesi di reclusione per furto con scasso e contravvenzione alla vigilanza. Nel dicembre 1904 da Milano si trasferisce a Marsiglia, poi arrestato a Montpellier e condannato per vagabondaggio ed epulso.

Nel settembre 1905 si reca in Francia, poi a Ginevra GE, dove diventa amico dell'anarchico Giambattista Casagrande.

Arrestato e tradotto di nuovo a Milano. Nuovamente arrestato nel 1906 per distribuzioni di minifestini della Camera del Lavoro, e condannato a maggio per "attentato alla libertà del lavoro in occasione dello sciopero generale".
Sempre ritenuto "pericoloso" viene vigilato fino al 1920, iscritto nell'elenco dei sovversivi.


FONTI:

GB / Bertuletti e Gotti "Alle origini dell'anarchismo bergamasco", 2010 /




CRONOLOGIA: