Cantiere biografico
degli Anarchici IN Svizzera








ultimo aggiornamento: 11/08/2019 - 18:35

FILTRI:  Solo Donne  Solo di passaggio  Solo collaboratori dall'estero  Solo non anarchici  Solo non identificati  ultime modifiche 
Cantoni:
 AI AR AG BL BS BE FR GE JU GL GR LU NE
 NW OW SG SH SO SZ TI TG UR VS VD ZG ZH
inverti selezione cantoni     vedi sigle

AI Appenzello interno
AR Appenzello esterno
AG Argovia
BL Basilea campagna
BS Basilea città
BE Berna (anche città - capitale)
FR Friborgo (anche città)
GE Ginevra (anche città)
JU Giura
GL Glarona
GR Grigioni
LU Lucerna (anche città)
NE Neuchâtel (anche città)
NW Nidwaldo
OW Obwaldo
SG San Gallo (anche città)
SH Sciaffusa (anche città)
SO Soletta (anche città)
SZ Svitto (anche città)
TI Ticino
TG Turgovia
UR Uri
VS Vallese
VD Vaud
ZG Zugo (anche città)
ZH Zurigo (anche città)
    A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z tutto       Crea un PDF 

PESENTI Francesco
Minatore, lavoratore stagionale

Zogno (Bg) 6.12.1861 da Giovan Battista e Caterina Pesenti -

Il 6.9.1894 espulso dalla Francia perché anarchico, dove lavorava come minatore.
Nel giugno 1895 è rintracciato a Montreux /VD. Con un dispaccio del 15 ottobre 1896 il console  italiano di Ginevra informa la Prefettura di Bergamo che "il Pesenti, giunto nella primavera scorsa a Ghion [GB: si tratta probabilmente di Glion /VD nei pressi di Montreux] è ripartito a maggio per l'Italia a piedi, passando il Sempione, dover aver inviato la moglie con il figlio per ferrovia..". Dal 22.8 al 3.10.1906 lavora a Laufen /BL [c'è anche un Laufen in Germania...] in una cava di pietre, rimpatria poi di nuovo in Francia.
Il 30.5.1909 dalla Regia pretura di Ornavasso (Novara) è condannato a 1 mese e 10 giorni di reclusione per porto abusvo di armi e incendio doloso.
Nel giugno 1929 è iscritto nella rubrica di frontiera al n. 3549. Il 14.6.1943 per i carabinieri di Zogno, riusulta "anarchico sconosciuto e irreperibile, emigrato da bambino per ignota destinazione unitamente alla famiglia, senza più dare sue notizie".

FONTI:
Bertuletti e Gotti in "Alle origini dell'anarchismo bergamasco", Bergamo 2010 / GB /


CRONOLOGIA: