Cantiere biografico
degli Anarchici IN Svizzera








ultimo aggiornamento: 11/09/2019 - 17:28

FILTRI:  Solo Donne  Solo di passaggio  Solo collaboratori dall'estero  Solo non anarchici  Solo non identificati  ultime modifiche 
Cantoni:
 AI AR AG BL BS BE FR GE JU GL GR LU NE
 NW OW SG SH SO SZ TI TG UR VS VD ZG ZH
inverti selezione cantoni     vedi sigle

AI Appenzello interno
AR Appenzello esterno
AG Argovia
BL Basilea campagna
BS Basilea città
BE Berna (anche città - capitale)
FR Friborgo (anche città)
GE Ginevra (anche città)
JU Giura
GL Glarona
GR Grigioni
LU Lucerna (anche città)
NE Neuchâtel (anche città)
NW Nidwaldo
OW Obwaldo
SG San Gallo (anche città)
SH Sciaffusa (anche città)
SO Soletta (anche città)
SZ Svitto (anche città)
TI Ticino
TG Turgovia
UR Uri
VS Vallese
VD Vaud
ZG Zugo (anche città)
ZH Zurigo (anche città)
    A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z tutto       Crea un PDF 

CAFASSI Francesco
Tipografo

Milano 10.2.1872 da Angelo e Antonia De Silvestri – Milano 16.1.1939.

Nel maggio 1894 è considerato dalla polizia come uno degli anarchici "più influenti e pericolosi", sia per la rete di rapporti che intrattiene, sia per lo "zelo inaudito" con cui propaganda le proprie idee. Fa parte del gruppo che gravita attorno a Pietro Gori. Incarcerato per 10 mesi a causa dei suoi incitamenti alla rivoluzione durante lo sciopero degli operai meccanici del '91, viene poi condannato a 15 mesi per aver colpito un ispettore di polizia in occasione della commemorazione di Garibaldi. Terminata la pena viene tradotto alle Tremiti per 18 mesi in domicilio coatto. Liberato condizionalmente nel 1896 riprende la sua attività di tipografo a Monza, poi a Milano.
Nel maggio 1898 in seguito alla proclamazione dello stato d’assedio a Milano, ripara in Svizzera, a Ginevra  /GE e a Losanna /VD. Considerato di aver contribuito “non poco al determinarsi dei recenti moti rivoluzionari” viene denunciato al Tribunale di guerra italiano e condannato in contumacia a 15 anni.  Nel  marzo 1901 interviene in un comizio a Ginevra sull'anniversario della Comune di Parigi, sottolineando l'importanza dell'antimilitarismo. Nel 1901 la Corte d’appello di Milano dichiara cessati gli effetti penali della con­danna e nel giugno 1902 rientra in Italia.  Nel frattempo ha abbandonato le file anarchiche e passato al Partito socialista.
Il 9 agosto 1913 lo ritroviamo a Bellinzona /TI come partecipante al Congresso dell'Unione operaia ticinese, a nome dell'Umanitaria di Milano, pure in Ticino come rappresentante dell'Umanitaria al Congresso della Camera del Lavoro nel 1922...


FONTI: GB // DBAI // Journal de Genève 21.3.1901, 10.8.1913 // Libera Stampa 11.9.1922-12.9.1922 //


CRONOLOGIA: