Cantiere biografico
degli Anarchici IN Svizzera








ultimo aggiornamento: 10/08/2022 - 18:34

FILTRI:  Solo Donne  Solo di passaggio  Solo collaboratori dall'estero  Solo non anarchici  Solo non identificati  ultime modifiche 
Cantoni:
 AI AR AG BL BS BE FR GE JU GL GR LU NE
 NW OW SG SH SO SZ TI TG UR VS VD ZG ZH
inverti selezione cantoni     vedi sigle

AI Appenzello interno
AR Appenzello esterno
AG Argovia
BL Basilea campagna
BS Basilea città
BE Berna (anche città - capitale)
FR Friborgo (anche città)
GE Ginevra (anche città)
JU Giura
GL Glarona
GR Grigioni
LU Lucerna (anche città)
NE Neuchâtel (anche città)
NW Nidwaldo
OW Obwaldo
SG San Gallo (anche città)
SH Sciaffusa (anche città)
SO Soletta (anche città)
SZ Svitto (anche città)
TI Ticino
TG Turgovia
UR Uri
VS Vallese
VD Vaud
ZG Zugo (anche città)
ZH Zurigo (anche città)
    A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z tutto       Crea un PDF 

DONATELLI Francesco

Membro del Circolo socialista-anarchico aquilano, poi denominato nel 1894 Associazione collettivista, poi sciolto nel 1894.
Donatelli con Scipione Masci subisce il domicilio coatto.
Ripara in Svizzera e, dopo aver organizzato uno sciopero dei muratori a Lugano/TI, viene estradato e ricondotto all'Aquila su richiesta italiana: "da alcuni giorni trovasi detenuto nelle carceri di S. Domenico, a disposizone della locale commissione per il domicilio coatto, l'amico Francesco Donatelli, tradottovi da Lugano, in seguito a decreto di estradizione dell'autorità cantonale svizzera. A prescindere dal pretesto che ha determinato l'estradizione, noi crediamo che tale misura di polizia sia veramente inconsulta e draconiana... ". Verrà poi trasferito al domicilio coatto a Ventotene.

[GB: purtroppo non ci sono le date precise nel dizionario, vedi Fonti Puglielli]

[GB: tratto da Libera Stampa, 29.2.1924:
"Aquila. Il socialista unitario Francesco Donatelli uscendo dallo studio del candidato unitario on. Lopardi viene aggredito e malmenato"]



FONTI:
GB // Edoardo Puglielli, "Dizionario degli anarchici abruzzesi", Camillo di Sciullo, 2010 //