Cantiere biografico
degli Anarchici IN Svizzera








ultimo aggiornamento: 10/08/2022 - 18:34

FILTRI:  Solo Donne  Solo di passaggio  Solo collaboratori dall'estero  Solo non anarchici  Solo non identificati  ultime modifiche 
Cantoni:
 AI AR AG BL BS BE FR GE JU GL GR LU NE
 NW OW SG SH SO SZ TI TG UR VS VD ZG ZH
inverti selezione cantoni     vedi sigle

AI Appenzello interno
AR Appenzello esterno
AG Argovia
BL Basilea campagna
BS Basilea città
BE Berna (anche città - capitale)
FR Friborgo (anche città)
GE Ginevra (anche città)
JU Giura
GL Glarona
GR Grigioni
LU Lucerna (anche città)
NE Neuchâtel (anche città)
NW Nidwaldo
OW Obwaldo
SG San Gallo (anche città)
SH Sciaffusa (anche città)
SO Soletta (anche città)
SZ Svitto (anche città)
TI Ticino
TG Turgovia
UR Uri
VS Vallese
VD Vaud
ZG Zugo (anche città)
ZH Zurigo (anche città)
    A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z tutto       Crea un PDF 

FERRARIS Bartolomeo Mattia

calzolaio



Campertogno 23 febbraio 1859 da Lodovico e Angela Allegra - Ginevra 31.3.1922
 

Fu schedato come sovversivo il 4 luglio 1894.

"Nato da una famiglia di contadini piccoli possidenti del Comune di Piode. Non ha ricevuto che l’istruzione che viene impartita nelle scuole comunali dei piccoli paesi. Fino al 1887 non diede luogo a rimarchi sulla sua condotta, e solo la di lui famiglia si lagnò, a motivo che egli quanto guadagnava tanto spendeva in divertimenti senza darsi pensiero di aiutarla, nonostante non ignorasse che versava in angustie finanziarie. Nel marzo di detto anno, in cui recossi a Ginevra, egli si mise in corrispondenza coi gruppi anarchici d’Italia, poscia passò in Francia, dove, si crede, tuttora trovasi, ma non si conosce in quale città».
 

In seguito fu segnalato a Lione, ma nel 1905 si rese irreperibile. Nel 1913 spedì da Ginevra alla sorella residente a Piode un pacco contenente oggetti regalo per i nipoti. Da indagini svolte risultò tuttavia sconosciuto nella zona.
Nel 1917 fu rintracciato nella città: risultò che da tempo non frequentava riunioni anarchiche e che si teneva in disparte da ogni movimento.


FONTI:

GB / di Piero Ambrosio, “Sovversivi” valsesiani schedati nel Casellario politico centrale emigrati in Francia e Svizzera, L'impegno No 1, giugno 2016, Rivista di Storia contemporanea




CRONOLOGIA: