Cantiere biografico
degli Anarchici IN Svizzera








ultimo aggiornamento: 27/11/2018 - 12:21

FILTRI:  Solo Donne  Solo di passaggio  Solo collaboratori dall'estero  Solo non anarchici  Solo non identificati  ultime modifiche 
Cantoni:
 AI AR AG BL BS BE FR GE JU GL GR LU NE
 NW OW SG SH SO SZ TI TG UR VS VD ZG ZH
inverti selezione cantoni     vedi sigle

AI Appenzello interno
AR Appenzello esterno
AG Argovia
BL Basilea campagna
BS Basilea città
BE Berna (anche città - capitale)
FR Friborgo (anche città)
GE Ginevra (anche città)
JU Giura
GL Glarona
GR Grigioni
LU Lucerna (anche città)
NE Neuchâtel (anche città)
NW Nidwaldo
OW Obwaldo
SG San Gallo (anche città)
SH Sciaffusa (anche città)
SO Soletta (anche città)
SZ Svitto (anche città)
TI Ticino
TG Turgovia
UR Uri
VS Vallese
VD Vaud
ZG Zugo (anche città)
ZH Zurigo (anche città)
    A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z tutto       Crea un PDF 

COVELLI Emilio

Avvocato



Trani (BA) 5.8.1846 da Francesco Paolo e Carolina Soria – Nocera Inferiore (Salerno) 2.11.1915.

Dopo i tentativi insurrezionali dell'agosto 1874 si rifugia a Locarno/TI, dove incontra il suo vecchio compagno di studi Cafiero.
Nel 1875 si iscrive alla sezione napolitana dell'AIL e entra a far parte poi con Cafiero, Malatesta e Costa del Comitato centrale insurrezionalista con sede a Napoli. In uesta veste ha un ruolo di rilievo nella preparaazione dellaaa successiva spedizione nel Matese, pur non partecipandovi direttamente. Redattore nel 1877 de L'Anarchia di Napoli.
Condannato nel marzo 1880 a 10 mesi di carcere e a 10 mesi di sorveglianza speciale, riesce dapprima a riparare in Romania, poi in Svizzera alla fine del 1880. Nel 1881 pubblica a Ginevra la rivista I Malfattori (apparsa dal 21 maggio al 1. luglio, 5 numeri, 500 copie, cui collaborano Cafiero e Carlo Monticelli), contribuendo al passaggio dell'anarchismo a un individualismo estremista, illegalista e per certi aspetti individualista. Nel 1883 è in Francia...
Agli inizi degli anni '90 è nuovamente in Svizzera, a Ouchy  /VD; qui entra in una pubblica discussione politica con il gruppo “I ribelli futuri” di Neuchâtel, a proposito di due sue proposte: una relativa alla “socializzazione della terra” intesa come “rivendicazione parziale” da portare avanti indipendentemente dai fini ultimi e generali che restano il comunismo e l’anarchia; l’altra per una maggiore attenzione ai problemi della società italiana “proponendo qualche provvedimento d’immediata attuazione, qualche mezzo eroico che valga a far cessare lo spettacolo vergognoso dei poveri italiani divenuti i pezzenti del mondo” (L'italiano all’este­ro, organo degli operai italiani in Svizzera, Losanna /VD 13.6.1891).

Dal 1892 al 1894 rimane internato nel manicomio di Aversa.
Nel 1908 grazie ad aiuti raccolti con una sottoscrizione, ritorna in Svizzera per tro­vare i vecchi compagni ma, fermato a Losanna/VD, viene espulso una prima volta in maggio per men­dicità e una seconda volta nel gennaio 1909 a Zurigo per aver contravvenuto al decreto di espulsione (?). Tutavia nel 1912 risulta a Zurigo ZH, segnalato a proposito della visita dell'Imperatore tedesco in CH.


Dal 1909 al 1913 (?) viene ricoverato per "monomania acuta" nel manicomomio di Como, dal quale viene trasferito a quello di Nocera Inferiore, dove muore.


FONTI:

GB // DBAI / Archivio cantonale Ticino, polizia politica, elenco anarchici (sorvegliato a Ouchy /VD nel 1890, residente a Zurigo dal 1909) / Emilio Gianni, L'Internazionale italiana tra libertari ed evoluzionisti, Pantarei 2008 / Besuch des Deutsch. Kaisers 1912 //




CRONOLOGIA: