Cantiere biografico
degli Anarchici IN Svizzera








ultimo aggiornamento: 10/08/2022 - 18:34

FILTRI:  Solo Donne  Solo di passaggio  Solo collaboratori dall'estero  Solo non anarchici  Solo non identificati  ultime modifiche 
Cantoni:
 AI AR AG BL BS BE FR GE JU GL GR LU NE
 NW OW SG SH SO SZ TI TG UR VS VD ZG ZH
inverti selezione cantoni     vedi sigle

AI Appenzello interno
AR Appenzello esterno
AG Argovia
BL Basilea campagna
BS Basilea città
BE Berna (anche città - capitale)
FR Friborgo (anche città)
GE Ginevra (anche città)
JU Giura
GL Glarona
GR Grigioni
LU Lucerna (anche città)
NE Neuchâtel (anche città)
NW Nidwaldo
OW Obwaldo
SG San Gallo (anche città)
SH Sciaffusa (anche città)
SO Soletta (anche città)
SZ Svitto (anche città)
TI Ticino
TG Turgovia
UR Uri
VS Vallese
VD Vaud
ZG Zugo (anche città)
ZH Zurigo (anche città)
    A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z tutto       Crea un PDF 

DANESI Alfonso

Tipografo, giornalista




Imola 15.4.1834 da Pietro e L. Brunori - Bruxelles 30.5.1900.

Nei primi mesi del 1874 è tra i rappresentanti più in vista dell'AIL di Bologna. In seguito si stabilisce a Ginevra,  e già dal 1873-1875 collabora al Proletario di Ginevra, diretto dal provocatore Terzaghi. Poco dopo, ne diventa un acerrimo nemico, quando gli fu chiaro il suo ruolo di spia e il 15 agosto 1875 sottoscrive una dichiarazione di aver rotto ogni relazioni con lo stesso (insieme a Gaetano Dimini, Cesare Cesari, Cattani Codorico).
Il 14 -15 marzo 1879 stampa dalla sua tipografia Imprimerie italienne di Ginevra un manifesto "Italia 14 marzo 1879; Tipografia dell'Internazionale", in cui minaccia la borghesia e la monarchia di un crollo simultaneo, e il re Umberto di morte nel caso si svolgesse l'esecuzione di Passanante: per questo verrà espulso con decreto del Consiglio federale il 29.4.1879 assieme a Solieri, Ginnasi (Grimasi), Casadio (detto Cavina o Gavina),  Mercatelli, Errico Malatesta (questi sarà nuovamente espulso nel 1881 dalla Svizzera proprio per questo decreto). Questa espulsione è quasi sicuramente causata dal confidente di polizia Terzaghi.

Ritornato in Italia subisce un processo per associazione di malfattori a Forlì, assieme a 24 altri compagni, da cui viene assolto nell'ottobre 1879. Coniugato nel 1885, emigra poi  a Bruxelles.



Arrété du Conseil fédéral du 29.4.1879:

Considérant  "que, dans la nuit du 14 au 15 mars dernier, on a affiché sur les murs de la ville de Genève un placard rouge daté 'Italia 14 marzo 1879. Tipografia dell'Internazionale' , dans le quel on menace la bourgeoisie et la monarchie d'une ruine simultanée, et le roi Humbert de mort dans le cas où il ferait exécuter Passanante..."

 


FONTI:

GB // Decreto di espulsione del Consiglio Federale del 29 aprile 1879 // Emilio Gianni, "L'Internazionale italiana fra libertari ed evoluzionisti", 2008 // Guillaume // BFJ 23, juin 1876 (lettre)




CRONOLOGIA: