Cantiere biografico
degli Anarchici IN Svizzera








ultimo aggiornamento: 10/08/2022 - 18:34

FILTRI:  Solo Donne  Solo di passaggio  Solo collaboratori dall'estero  Solo non anarchici  Solo non identificati  ultime modifiche 
Cantoni:
 AI AR AG BL BS BE FR GE JU GL GR LU NE
 NW OW SG SH SO SZ TI TG UR VS VD ZG ZH
inverti selezione cantoni     vedi sigle

AI Appenzello interno
AR Appenzello esterno
AG Argovia
BL Basilea campagna
BS Basilea città
BE Berna (anche città - capitale)
FR Friborgo (anche città)
GE Ginevra (anche città)
JU Giura
GL Glarona
GR Grigioni
LU Lucerna (anche città)
NE Neuchâtel (anche città)
NW Nidwaldo
OW Obwaldo
SG San Gallo (anche città)
SH Sciaffusa (anche città)
SO Soletta (anche città)
SZ Svitto (anche città)
TI Ticino
TG Turgovia
UR Uri
VS Vallese
VD Vaud
ZG Zugo (anche città)
ZH Zurigo (anche città)
    A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z tutto       Crea un PDF 

DE AMBRIS Alceste

Sindacalista, deputato, giornalista



Licciana Nardi 15.09.1874 - Brive (Francia) 9.12.1934
 

Nel 1907 viene nominato segretario della Camera del lavoro di Roma, redattore de L'Internazionale.

Nel 1908 a causa dello sciopero nel parmanense riesce a rifugiarsi a Lugano. Svolge diverse conferenze anche a Losanna (già nel 1907) nel 1908 promosse dalla UO locale, a Bienne  il 28/29 novembre 1908 al Congresso dei sindacalisti di lingua italiana, che ha lo scopo di esaminare i mezzi per orientare il movimento degli operai italiani in Svizzera sulla via del sindacalismo rivoluzionario... (VdP 28.11.1908).
Poi si reca in Brasile, a Parigi nel 1911, poi ancora a Lugano, continuando a svolgere una forte propaganda anticolonialista e antinazionalista. Qui dirige la rivista sindacalista Pagine Libere.

Eletto deputato nel 1913, grazie all'immunità parlamentare può rientrare dall'esilio. Collabora all'Unione sindacale italiana (USI), organizzazione sindacalista rivoluzionaria fondata nel 1912, diventandone segretario.

Nel 1914 con Filippo Corridoni appoggia il fronte interventista e  perderà immediatamente il segretariato dell'USI (viene sostituito dall'anarchico Armando Borghi). Partito per il fronte, fonda poi nel 1918 l'Unione italiana del lavoro (costituita da sindacalisti rivoluzionari interventisti) e si avvicina al primo fascismo rivoluzionario... nel 1920 raggiunge D'Annunzio a Fiume dove viene nominato suo Capo di Gabinetto nel Governo della Città Olocausta.

Rientra a Parma ed assume una chiara posizione antifascista e non manca di difendere  la città dal grosso attacco di squadre fasciste: si rifugia nuovamente a Lugano, poi in Francia dove verrà privato della cittadinanza italiana e gli viene comunicato la confisca dei pochi beni posseduti in Italia. Sarà presidente della LIDU.


FONTI:

GB / Wikipedia /




CRONOLOGIA: