Cantiere biografico
degli Anarchici IN Svizzera








ultimo aggiornamento: 10/08/2022 - 18:34

FILTRI:  Solo Donne  Solo di passaggio  Solo collaboratori dall'estero  Solo non anarchici  Solo non identificati  ultime modifiche 
Cantoni:
 AI AR AG BL BS BE FR GE JU GL GR LU NE
 NW OW SG SH SO SZ TI TG UR VS VD ZG ZH
inverti selezione cantoni     vedi sigle

AI Appenzello interno
AR Appenzello esterno
AG Argovia
BL Basilea campagna
BS Basilea città
BE Berna (anche città - capitale)
FR Friborgo (anche città)
GE Ginevra (anche città)
JU Giura
GL Glarona
GR Grigioni
LU Lucerna (anche città)
NE Neuchâtel (anche città)
NW Nidwaldo
OW Obwaldo
SG San Gallo (anche città)
SH Sciaffusa (anche città)
SO Soletta (anche città)
SZ Svitto (anche città)
TI Ticino
TG Turgovia
UR Uri
VS Vallese
VD Vaud
ZG Zugo (anche città)
ZH Zurigo (anche città)
    A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z tutto       Crea un PDF 

ARMUZZI Domenico Ercole Ugo

manovale, poi negoziante all'ingrosso di frutta e verdura



Ravenna (Italia) 10.9.1873 (o 10.11.1873) - Zurigo ZH 1962
probabilmente padre di Armuzzi Lilly* (?).

Socialista

Emigrato a Zurigo nel 1897.

Fonda a Zurigo con socialisti, repubblicani, ecc. nel 1905 la Società cooperativa (poi famoso ristorante degli antifascisti italiani e della sinistra locale in genere). Arrestato nel 1906 a Zurigo con Bertoni, Castelli*, ecc. per aver minacciato dei crumiri nel corso di uno sciopero. Segnalato nel 1912 come anarchico dalla polizia elvetica (???).

A causa della partecipazione allo sciopero generale del 1918, il Consiglio federale ordinò l'espulsione nel 1919, decisione poi sospesa.
Nel 1935 animatore nella Lega della libertà (nata nel 1925) contro il fascismo. Nell'aprile-maggio 1935, La Lega della Libertà promuove manifestazioni di protesta e indice riunioni e comizi a Zurigo, Basilea, ed in altre città elvetiche, contro il fascismo e la guerra in Etiopia: tra gli organizzatori anarchici di spicco vi sono Rusconi*, Giuseppe Spotti*, Francesco Armanni, accanto ai socialisti Giuseppe Armari, Domenico Armuzzi, i massimalisti Francesco Lezzi, Gino Giuliato, Pietro Cattaneo, i repubblicani Luigi Casadei e Ferdinando Schiavetti.
Nonostante il cambiamento di professione rimase sempre solidale con il movimento operaio, creando numerosi corsi di formazione per gli operai, l'"Università popolare", la "Scuola libera italiana" (1931), oratore in diverse città svizzere, rifiutando compromessi, mantenendo sempre una posizione internazionalista e antifascista. Presidente della Federazione delle Colonie Libere dal 1945 al 1957.


FONTI:

GB / Verzeichnis von Anarchisten..., agosto 1912, E21/14565, info di WP / Risveglio 23.7.1910, 28.6.1930, 7.3.1931, 9.1.1932 / Gazzetta ticinese 8.8. 1906-11.8.1906 / Die Gewerkschaft, 18.11.1943 (per il suo settantesimo) / Dizionario storico della Svizzera / Libera Stampa diversi: 9,11,1943, 13.10.1945, 7.4.52, 13.1.1962, 15.1.1962, ecc.




CRONOLOGIA: