Cantiere biografico
degli Anarchici IN Svizzera








ultimo aggiornamento: 10/08/2022 - 18:34

FILTRI:  Solo Donne  Solo di passaggio  Solo collaboratori dall'estero  Solo non anarchici  Solo non identificati  ultime modifiche 
Cantoni:
 AI AR AG BL BS BE FR GE JU GL GR LU NE
 NW OW SG SH SO SZ TI TG UR VS VD ZG ZH
inverti selezione cantoni     vedi sigle

AI Appenzello interno
AR Appenzello esterno
AG Argovia
BL Basilea campagna
BS Basilea città
BE Berna (anche città - capitale)
FR Friborgo (anche città)
GE Ginevra (anche città)
JU Giura
GL Glarona
GR Grigioni
LU Lucerna (anche città)
NE Neuchâtel (anche città)
NW Nidwaldo
OW Obwaldo
SG San Gallo (anche città)
SH Sciaffusa (anche città)
SO Soletta (anche città)
SZ Svitto (anche città)
TI Ticino
TG Turgovia
UR Uri
VS Vallese
VD Vaud
ZG Zugo (anche città)
ZH Zurigo (anche città)
    A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z tutto       Crea un PDF 

DELLA TORRE Oreste (Milanin)

elettricista



Milano 25.2.1914 da Francesco e Cressoni Adriana - Milano 13.12.1950

Il padre, cittadino italiano nato a Santaneder in Spagna, aveva dovuto rifugiarsi in Italia nel 1911 per sottrarsi alle persecuzioni poliziesche di cui era vittima come attivista anarchico. Oreste frequenta ambienti antifascisti fin dal 1929 e per questo subisce una pena di 3 anni in casa di correzione. Liberato nel 1933 presta servizio militare a Milano nel 18 regg. Bersaglieri e quindi a Torino nel 91 fanteria, dove viene colto in flagrante attività di propaganda sovversiva. Arrestato e condannato a 6 anni, recluso a Gaeta, non sconta l’intera pena per ragioni di salute. Rientrato a Milano, riprende l’attività secondo il tipico modello anarchico insieme col fratello Augusto. Questi cade il 15.2.1936 in un conflitto a fuoco con la milizia fascista.
Espatria clandestinamente in Svizzera, passa da Basilea in Francia, per poi raggiungere la Spagna - miliziano - dove è incorporato dal 10 novembre 1936 nel battaglione Garibaldi, terza compagnia. Il 9 gennaio 1937 a Mirabueno è ferito a una gamba. Rientrato al battaglione a fine febbraio fa il portaordini col grado di sergente: viene chiamato il "milanin". Il 12 giugno è gravemente ferito agli occhi a Huesca. Costretto a lasciare la prima linea, passa come ufficiale ai servizi d’intendenza fino al 20 settembre quando si congeda. Viene però arrestato a Barcellona dagli stalinisti come sospetto di disfattismo e rilasciato dopo 90 giorni per permettergli di rientrare in Francia. Internato ad Argèles - dove figura nel Gruppo Libertà o Morte, composto da 117 libertari - poi a Gurs, evade di qui nel maggio 1939 e si rifugia in Lussemburgo. Espulso il 12 luglio passa nel sud della Francia, appoggiandosi agli anarchici francesi in quanto iscritto alla FAIb. A Lione si presenta alle autorità italiane per farsi rimpatriare nell’agosto 1940. Tradotto a Milano, dopo lungo e dettagliato interrogatorio, è inviato a Ventotene per 5 anni poi alla Tremiti. Liberato è partigiano in Val Sesia.

Muore il 13.12.1950.


FONTI:

GB // "K1B45 lombardi e ticinesi per la libertà in Spagna", Ist. milanese per la storia della Resistenza e del movimento operaio / Lista del gruppo "Libertà o Morte" / (segnalato come comunista nel Casell. politico centrale di Roma - non visionato) / Augusto Cantaluppi, La "Ringhiera" in Spagna. Antifascisti milanesi nella guerra civile spagnola - in rete /




CRONOLOGIA: