Cantiere biografico
degli Anarchici IN Svizzera








ultimo aggiornamento: 10/08/2022 - 18:34

FILTRI:  Solo Donne  Solo di passaggio  Solo collaboratori dall'estero  Solo non anarchici  Solo non identificati  ultime modifiche 
Cantoni:
 AI AR AG BL BS BE FR GE JU GL GR LU NE
 NW OW SG SH SO SZ TI TG UR VS VD ZG ZH
inverti selezione cantoni     vedi sigle

AI Appenzello interno
AR Appenzello esterno
AG Argovia
BL Basilea campagna
BS Basilea città
BE Berna (anche città - capitale)
FR Friborgo (anche città)
GE Ginevra (anche città)
JU Giura
GL Glarona
GR Grigioni
LU Lucerna (anche città)
NE Neuchâtel (anche città)
NW Nidwaldo
OW Obwaldo
SG San Gallo (anche città)
SH Sciaffusa (anche città)
SO Soletta (anche città)
SZ Svitto (anche città)
TI Ticino
TG Turgovia
UR Uri
VS Vallese
VD Vaud
ZG Zugo (anche città)
ZH Zurigo (anche città)
    A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z tutto       Crea un PDF 

DINALE Ottavio

Professore di liceo



Marostica 20.5.1871 - Roma 7.3.1959

Inizialmente membro del Partito socialista italiano, poi sindacalista rivoluzionario, organizzatore del Congresso nazionale sindacalista di Bologna del 20.11.1905.
In  Svizzera dal 1905, con la famiglia nel 1906, viene espulso da Ginevra come inviduo pericoloso. Si sposta a Annemasse per 6 mesi. Poi ancora riesce a ristabilirsi a Ginevra fino al 1909. Dal 1907 entra in contatto con l'Unione latina, associazione repubbblicana per la quale svolge una conferenza in occasione della nascita di Garibaldi. In questo periodo è su posizioni razionaliste, pro Ferrer, e sindacaliste, responsabile della rivista La Demolizione, organo di propaganda razionalista, poi rivista internazionale razionalista, rivista internazionale di battaglia, pubblicata dal 1907 al 1910 ad Annemasse (Francia), dal No 15 a Ginevra, dal No 29 a Nizza, poi a Milano con una nuova serie con la collaborazione di P. Orano, Libero Tancredi (ps di Massimo Rocca), Leda Rafanelli, Roberto Ardigo e con alcuni scrittori  futuristi come Piero Belli e Filippo Tommaso Marinetti.
Ormai ha rifiutato le sue posizioni sindacaliste e diventa interventista, "la guerra come primo passo per una rivoluzione". Sara tra i fondatori del primo fascio rivoluzionario per l'Intervento, diventando uno dei collaboratori più vicini a Mussolini (conosciuto già nell'esilio), e tiene su Il Popolo d'Italia una rubrica quotidiana. Contrario alla creazione di un Partito fascista, si avvicinerà al fascismo di regime dopo la Marcia su Roma.


FONTI:

GB / Wikipedia / diverse /




CRONOLOGIA: