Cantiere biografico
degli Anarchici IN Svizzera








ultimo aggiornamento: 19/08/2022 - 17:35

FILTRI:  Solo Donne  Solo di passaggio  Solo collaboratori dall'estero  Solo non anarchici  Solo non identificati  ultime modifiche 
Cantoni:
 AI AR AG BL BS BE FR GE JU GL GR LU NE
 NW OW SG SH SO SZ TI TG UR VS VD ZG ZH
inverti selezione cantoni     vedi sigle

AI Appenzello interno
AR Appenzello esterno
AG Argovia
BL Basilea campagna
BS Basilea città
BE Berna (anche città - capitale)
FR Friborgo (anche città)
GE Ginevra (anche città)
JU Giura
GL Glarona
GR Grigioni
LU Lucerna (anche città)
NE Neuchâtel (anche città)
NW Nidwaldo
OW Obwaldo
SG San Gallo (anche città)
SH Sciaffusa (anche città)
SO Soletta (anche città)
SZ Svitto (anche città)
TI Ticino
TG Turgovia
UR Uri
VS Vallese
VD Vaud
ZG Zugo (anche città)
ZH Zurigo (anche città)
    A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z tutto       Crea un PDF 

SASSI Attilio

Minatore, sindacalista



 

 

Castel Guelfo 6.10.1876 - Roma 24.6.1957

Nel 1895 parte per il Brasile, tornato in Italia emigra poi in Svizzera tra il 1906 e il 1907, lavorando come muratore e dirigendo un sindacato locale [GB: dove?].

In Italia collabora a diverse riviste anarchiche e partecipa al Comitato Nazionale dell'Azione diretta e alla fondazione dell'Unione sindacale italiana USI nel 1912. Attivo sindacalmente a Imola, Crevalcore, Piacenza, dove partecipa alla settimana rossa e al sostegno degli anarchici antimilitaristi Augusto Masetti e Attilio Moroni. Allo scoppio della guerra è su posizioni antiinterventiste. Nel dopo guerra partecipa all'attività dell'USI. "Guida" in Valdarno uno sciopero nel 1909 di minatori e operai. Processato per incidenti a seguito di uno sciopero durante il quale muore un dirigente, viene condannato a 16 anni di carcere insieme ad altri 55 operai. Nel 1925 viene scarcerato per indulto, ma nel 1928 viene mandato al confino a Ponza, pena poi commutata in ammonizione. Rimane vigilato fino alla caduta del fascismo.
Nel 1945 contribuisce alla ricostruzione della CGIL e da segretario della Federazione Italiana Minatori e Cavatori difende la pratica del sindacalismo libertario e dell'azione diretta, propagandosi in favore dell'indipendenza dai meccanismi e dai partiti politici.


FONTI:

GB // Marabini, Sacchetti, Zani "Attilio Sassi detto Bestione", ZIC 2008 //




CRONOLOGIA: