Cantiere biografico
degli Anarchici IN Svizzera








ultimo aggiornamento: 01/08/2022 - 19:26

FILTRI:  Solo Donne  Solo di passaggio  Solo collaboratori dall'estero  Solo non anarchici  Solo non identificati  ultime modifiche 
Cantoni:
 AI AR AG BL BS BE FR GE JU GL GR LU NE
 NW OW SG SH SO SZ TI TG UR VS VD ZG ZH
inverti selezione cantoni     vedi sigle

AI Appenzello interno
AR Appenzello esterno
AG Argovia
BL Basilea campagna
BS Basilea città
BE Berna (anche città - capitale)
FR Friborgo (anche città)
GE Ginevra (anche città)
JU Giura
GL Glarona
GR Grigioni
LU Lucerna (anche città)
NE Neuchâtel (anche città)
NW Nidwaldo
OW Obwaldo
SG San Gallo (anche città)
SH Sciaffusa (anche città)
SO Soletta (anche città)
SZ Svitto (anche città)
TI Ticino
TG Turgovia
UR Uri
VS Vallese
VD Vaud
ZG Zugo (anche città)
ZH Zurigo (anche città)
    A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z tutto       Crea un PDF 

MEZZANO Giuseppe

verniciatore, pittore imbianchino



Asigliano Vercellese (VC - Italia) 16.1.1896 da Antonio e Carolina Brusa - Biella (Italia) 29.11.1950
 

Emigrato in Svizzera in epoca imprecisata, si stabilì a Ginevra GE.

Segnalato da un informatore della polizia come militante antifascista, il 12 settembre 1935, rientrato in Italia, fu fermato a Vercelli e incarcerato. Non essendo emerso nulla di concreto nei suoi confronti, dopo alcuni giorni fu rilasciato ma schedato nel Casellario politico centrale come anarchico e sottoposto a vigilanza.

Il 6 agosto dell’anno seguente espatriò nuovamente, clandestinamente, recandosi ancora a Ginevra.
Nell’autunno raggiunse la Spagna, arruolandosi (miliziano) nel costituendo battaglione “Garibaldi”. Partecipò ai combattimenti di Boadilla del Monte, Mirabueno, Majadahonda, Arganda e Guadalajara, dove fu ferito alla mano e alla gamba destra. Nel 1937 si iscrisse al Partito comunista. Dimesso dall’ospedale nel marzo del 1938, fu addetto a servizi ausiliari ad Albacete fino al mese di maggio, quando ritornò in Svizzera.

Arrestato dalla polizia elvetica a Ginevra l’11 ottobre 1939, fu internato nel campo di lavoro di Gordola TI.

Dopo la caduta del fascismo si rivolse al Consolato di Ginevra per essere rimpatriato: il 3 agosto, essendo stato segnalato come “ex miliziano rosso” e iscritto nella “Rubrica di frontiera” fu arrestato a Domodossola e tradotto a Vercelli dove, dopo essere stato interrogato, fu messo in libertà e sottoposto a vigilanza.

Partecipò alla Resistenza, inquadrato nella 182a brigata “Garibaldi”. Nel dopoguerra si trasferì a Biella, dove morì il 29 novembre 1950.


FONTI:

GB // Biografia di Piero Ambrosio. Fonti: Acs, Cpc, fascicolo personale; Anello Poma (a cura di), Antifascisti piemontesi e valdostani nella guerra di Spagna, Torino, Centro studi Piero Gobetti - Associazione italiana combattenti volontari antifascisti in Spagna, sezione piemontese, 1975; Alvaro López (a cura di), Il battaglione Garibaldi, Quaderno Aicvas n. 7, Roma, 1990. L’iscrizione al Partito comunista nel 1937 risulta da una tessera conservata dai familiari.




CRONOLOGIA: