Cantiere biografico
degli Anarchici IN Svizzera








ultimo aggiornamento: 01/08/2022 - 19:26

FILTRI:  Solo Donne  Solo di passaggio  Solo collaboratori dall'estero  Solo non anarchici  Solo non identificati  ultime modifiche 
Cantoni:
 AI AR AG BL BS BE FR GE JU GL GR LU NE
 NW OW SG SH SO SZ TI TG UR VS VD ZG ZH
inverti selezione cantoni     vedi sigle

AI Appenzello interno
AR Appenzello esterno
AG Argovia
BL Basilea campagna
BS Basilea città
BE Berna (anche città - capitale)
FR Friborgo (anche città)
GE Ginevra (anche città)
JU Giura
GL Glarona
GR Grigioni
LU Lucerna (anche città)
NE Neuchâtel (anche città)
NW Nidwaldo
OW Obwaldo
SG San Gallo (anche città)
SH Sciaffusa (anche città)
SO Soletta (anche città)
SZ Svitto (anche città)
TI Ticino
TG Turgovia
UR Uri
VS Vallese
VD Vaud
ZG Zugo (anche città)
ZH Zurigo (anche città)
    A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z tutto       Crea un PDF 

VIDONI Carlo Francesco

manovale



San Gallo SG 30.11.1915 da Carlo Alberto* e Erminia Hemmerie -

Di famiglia originaria di Moggio Udinese, nel 1935 rientra in Italia per svolgere il servizio militare. L'anno seguente espatria clandestinamente e attraverso l'Austria e la Germania raggiunge il padre in Francia. Il mese di ottobre 1936 risulta come volotnario (miliziano) in Spagna nel Battaglione Garibaldi II compagnia. Combatte su tutti i fronti, dal Cerro de los Angeles a Casa de Campo. In seguito è nel I battaglione della brigata Garibaldi e partecipa a tutte le azioni militari da Huesca fino all'Ebro. Il 5 settembre 1938 è fatto prigioniero dai franchisti sul fronte dell'Ebro e internato a San Pedro de Cardenas sino a novembre 1940 (vi erano ca 800 prigionieri). Trasferito nella Compagnia lavoratori a Belbite vi rimase fino al 15 marzo 1941 giorno in cui riuscì ad evadere e espatriare in Francia dopo 15 giorni di marcia. Si stabilì presso il padre a Tarbès dove venne arrestato alcuni giorni dopo, 1 mese di carcere a Perpignano, poi internato al campo di Argelès. Deciso di farsi rimpatriare fece domanda al Console italiano di Perpignano, tradotto in Italia la Questura di Udine lo condanna a 1 anno di confino a Ventotene. Rimesso in libertà si rifugia presso i nonni a Moggio Udinese, iscritto all'ufficio del lavoro di Udine viene poi posto di fronte ad una scelta: o essere deportato nei campi di annientamento in Germania oppure arruolarsi nell'esercito tedesco quale interprete. Convinto che la deportazione in Germania significava la morte, scelse l'arruolamento... Tuttavia il 5 giugno 1944 riesce ad evadere e varcare la frontiera svizzera dove venne internato nel Canton Berna BE fino al termine della guerra.


FONTI:

GB // Turcato /Antifascisti combattenti e volontari della Guerra di Spagna /




CRONOLOGIA: