Cantiere biografico
degli Anarchici IN Svizzera








ultimo aggiornamento: 01/08/2022 - 19:26

FILTRI:  Solo Donne  Solo di passaggio  Solo collaboratori dall'estero  Solo non anarchici  Solo non identificati  ultime modifiche 
Cantoni:
 AI AR AG BL BS BE FR GE JU GL GR LU NE
 NW OW SG SH SO SZ TI TG UR VS VD ZG ZH
inverti selezione cantoni     vedi sigle

AI Appenzello interno
AR Appenzello esterno
AG Argovia
BL Basilea campagna
BS Basilea città
BE Berna (anche città - capitale)
FR Friborgo (anche città)
GE Ginevra (anche città)
JU Giura
GL Glarona
GR Grigioni
LU Lucerna (anche città)
NE Neuchâtel (anche città)
NW Nidwaldo
OW Obwaldo
SG San Gallo (anche città)
SH Sciaffusa (anche città)
SO Soletta (anche città)
SZ Svitto (anche città)
TI Ticino
TG Turgovia
UR Uri
VS Vallese
VD Vaud
ZG Zugo (anche città)
ZH Zurigo (anche città)
    A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z tutto       Crea un PDF 

VIGGIANI Rocco Carlo

Calzolaio



Tito di Potenza 10.8.1915 da Alfredo e Salvia Carolina - Spagna 2.2.1937 (4.4.1938?)

La madre muore dalla spagnola, il padre è cieco. Viene portato a Avigliano per ricoverarlo all'orfanatrofio: non ci sono più posti liberi e viene affidato a Leonardo Corbo* e alla moglie che non hanno figli.
Nel 1924 Corbo per motivi politici [segnalato come anarchico] è costretto a emigrare in Svizzera, a Mendrisio. L'anno seguente la moglie e Viggiani lo raggiungono. Qui Rocco fa l'apprendista ciabattino dal Corbo e la sera frequenta la scuola, da cui sarà espulso [?] nel 1931 perché scrisse in un compito che si proponeva di "ammazzare Mussolini".

Rientra provvisoriamente a Tito nel 1933 per motivi di salute, ma viene immediatamente preso di mira dai fascisti: interrogatori, minacce.

Ritorna a Mendrisio e allo scoppio della guerra di Spagna (miliziano) si arruola nella Brigata Garibaldi ( o battaglione Dimitrof ?) e muore a Morata de Tajuña prob. nel febbraio 1937.

Nel gennaio 1937 scrive al Risveglio anarchico di Ginevra (pubblicato il 30.1.1937): "Tarragona, 7 gennaio. Con immutata fede libertaria, contro la iniqua viltà dei nemici della giustizia sociale, con quei sentimenti che più vibrano in me, col migliore ardore, combatterò - e vinceremo. Rocco Viggiani".

[pare che i comunisti in Italia lo vollero uno dei loro... mah... cosa non si fa per voler essere grandi...]

CPC Roma non visionato, busta 5410, schedato come anarchico dal 1933 al 1941, iscritto alla rubrica di frontiera.


FONTI:

GB // info di Alfredo Viggiani, suo nipote / Associazione Italiana combattenti volontari antifascisti di Spagna / CPC non visionato / Risveglio anarchico 30.1.1937 lettera citata /




CRONOLOGIA: