Cantiere biografico
degli Anarchici IN Svizzera








ultimo aggiornamento: 03/06/2018 - 00:36

FILTRI:  Solo Donne  Solo di passaggio  Solo collaboratori dall'estero  Solo non anarchici  Solo non identificati  ultime modifiche 
Cantoni:
 AI AR AG BL BS BE FR GE JU GL GR LU NE
 NW OW SG SH SO SZ TI TG UR VS VD ZG ZH
inverti selezione cantoni     vedi sigle

AI Appenzello interno
AR Appenzello esterno
AG Argovia
BL Basilea campagna
BS Basilea città
BE Berna (anche città - capitale)
FR Friborgo (anche città)
GE Ginevra (anche città)
JU Giura
GL Glarona
GR Grigioni
LU Lucerna (anche città)
NE Neuchâtel (anche città)
NW Nidwaldo
OW Obwaldo
SG San Gallo (anche città)
SH Sciaffusa (anche città)
SO Soletta (anche città)
SZ Svitto (anche città)
TI Ticino
TG Turgovia
UR Uri
VS Vallese
VD Vaud
ZG Zugo (anche città)
ZH Zurigo (anche città)
    A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z tutto       Crea un PDF 

DUVAUD Emile-Fran├žois
Insegnante,   disegnatore, installatore radio

Vevey/VD 9.4.1874 da Jean Louis e Julie Jenny Vodoz - Losanna 6.7.1958.


Socialista, libero pensatore, massone, poi comunista.

Attivo nella Libre-Pensée internationale (Losanna), fece un discorso "famoso" quando i liberi pensatori ginevrini eressero un monumento alla memoria di Michel Servet a Annemasse (Alta Savoia - Francia). Nel 1909 partecipa alle manifestazioni, a Neuchâtel, per l'assassinio di Francisco Ferrer.

Insegnante espulso dapprima dalla scuola comunale di Cully, viene assunto dall'Ecole Ferrer  di Losanna nel  novembre 1910. In seguito viene pure licenziato anche dalla Scuola Ferrer nel 1911: "... Stimo nullo questo preteso insegnamento", dichiarerà Paul Robin (allora per qualche tempo in Svizzera).

Il suo licenziamento dalla Scuola Ferrer (diretta da J. Wintsch) provocherà delle scissioni dolorose all'interno del movimento sindacalista rivoluzionario vodese, sia con alcune dimissioni dall'Imprimerie communiste, dall'UO  di Losanna e perfino dalla FUOSR (vedi Baud Henri). Un suo tentativo di aprire un'altra Ecole Ferrer - sostenuta da Lapie, Sensonnens, Henri Baud, P. Jamin e P. Villard - non andò in porto.
Da giovane attivo nel partito radicale, poi nel partito socialista, poi nel Parti travailliste (partito socialista dei lavoratori). Fonda nel 1926 la Ligue antifasciste. Nel 1927-1928 viaggio in URSS. Consigliere comunale di Losanna dal 1926 al 1929 come esponente del partito dei lavoratori e poi come membro del partito comunista (POP) dal 1946 al 1949.



Actif à la Libre-Pensée internationale (Lausanne), il fit un discours remarqué lorsque les libres penseurs genevois érigèrent un monument à la mémoire de Michel Servet à Annemasse (Haute-Savoie), en automne 1908. Un an plus tard, il participait aux manifestations qui suivirent l'exécution de Francisco Ferrer, notamment à Neuchâtel.

En 1911 il y eut pendant quelque temps deux écoles Ferrer à Lausanne; le comité de l'une était composé de Jean Wintsch, Beyeler (architecte) et Ménager (typographe), celui de l'autre d'Armand Lapie, Sensonnens, Henri Baud, P. Jamin et P. Villard. Mais les deux comités fusionnèrent à nouveau après le départ définitif de Duvaud.

FONTI:
GB -ME // J. Wintsch, La Scuola Ferrer di Losanna 1910-1919, in F. Ferrer, "La Scuola Moderna", Lugano 1980 // art. di Duvaud "L'Ecole des travailleurs" su l'Almanach du travailleur pour 1911 (Losanna) // DSS/DHS/HLS // Claude Cantini, L'Ecole Ferrer de Lausanne, Le Libre penseur //  ACV: dossiers ATS //



CRONOLOGIA: