Cantiere biografico
degli Anarchici IN Svizzera








ultimo aggiornamento: 10/08/2022 - 18:34

FILTRI:  Solo Donne  Solo di passaggio  Solo collaboratori dall'estero  Solo non anarchici  Solo non identificati  ultime modifiche 
Cantoni:
 AI AR AG BL BS BE FR GE JU GL GR LU NE
 NW OW SG SH SO SZ TI TG UR VS VD ZG ZH
inverti selezione cantoni     vedi sigle

AI Appenzello interno
AR Appenzello esterno
AG Argovia
BL Basilea campagna
BS Basilea città
BE Berna (anche città - capitale)
FR Friborgo (anche città)
GE Ginevra (anche città)
JU Giura
GL Glarona
GR Grigioni
LU Lucerna (anche città)
NE Neuchâtel (anche città)
NW Nidwaldo
OW Obwaldo
SG San Gallo (anche città)
SH Sciaffusa (anche città)
SO Soletta (anche città)
SZ Svitto (anche città)
TI Ticino
TG Turgovia
UR Uri
VS Vallese
VD Vaud
ZG Zugo (anche città)
ZH Zurigo (anche città)
    A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z tutto       Crea un PDF 

FIORIO Giovanni

piastrellista



Bioglio 25.7.1868 da Pietro e Fortunata Canepa - Wabern BE 7.9.1939

Essendosi «fatto rimarcare per le fre­quenti relazioni con noti anarchici» a Berna, la Direzione generale della Pub­blica sicurezza nel febbraio 1906 chiese informazioni sul suo conto al prefetto di Novara che riferì che in patria aveva tenuto buona condotta morale e politica ma che si trovava all’estero da molti anni ed era tornato al paese natale solo poche volte e per brevi periodi. Fu schedato nel novero dei sovversivi.
Il 28 gennaio 1938 la Direzione gene­rale della Ps chiese al prefetto di Vercel­li di riferire sul suo conto, non essendo state inviate altre notizie. Questi comu­nicò che sembrava risiedesse ancora a Berna; che avesse contratto matrimonio con una tedesca e che avesse due figli.
La Legazione d’Italia a Berna informò che abitava nei pressi di quella città, a Wabern­Gurtenbühl; che aveva un figlio trentottenne residente a Lugano e una fi­glia sposata a uno svizzero; che era oc­cupato come muratore e piastrellista ed era un buon operaio; che era iscritto al Partito nazionale fascista e partecipava «di quando in quando alle manifestazio­ni patriottiche» della comunità italiana; e che, se aveva professato, in epoca re­mota, idee sovversive, si dimostrava «di buoni sentimenti nazionali».
Lo stesso ufficio consolare il 28 aprile 1941 informò che era deceduto il 7 set­tembre 1939 a Gurtenbühl.


FONTI:

GB /  scheda CPC Roma segnalata da Piero Ambrosio 14.1.2022 /




CRONOLOGIA: