Cantiere biografico
degli Anarchici IN Svizzera








ultimo aggiornamento: 18/08/2022 - 14:43

FILTRI:  Solo Donne  Solo di passaggio  Solo collaboratori dall'estero  Solo non anarchici  Solo non identificati  ultime modifiche 
Cantoni:
 AI AR AG BL BS BE FR GE JU GL GR LU NE
 NW OW SG SH SO SZ TI TG UR VS VD ZG ZH
inverti selezione cantoni     vedi sigle

AI Appenzello interno
AR Appenzello esterno
AG Argovia
BL Basilea campagna
BS Basilea città
BE Berna (anche città - capitale)
FR Friborgo (anche città)
GE Ginevra (anche città)
JU Giura
GL Glarona
GR Grigioni
LU Lucerna (anche città)
NE Neuchâtel (anche città)
NW Nidwaldo
OW Obwaldo
SG San Gallo (anche città)
SH Sciaffusa (anche città)
SO Soletta (anche città)
SZ Svitto (anche città)
TI Ticino
TG Turgovia
UR Uri
VS Vallese
VD Vaud
ZG Zugo (anche città)
ZH Zurigo (anche città)
    A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z tutto       Crea un PDF 

CALDERINI Giuseppe

falegname, muratore



Cravagliana 12.1.1870 da Giuseppe e Maria Bottone -


Emigrò in Svizzera nel 1885 circa. Residente a Lucerna LU, nel 1905 fu iscritto nello schedario dei sovversivi perché appartenente al Comitato per lo sciopero generale e classificato anarchico.
 

Nel 1916 si trasferì in Francia e, cinque anni dopo, fu segnalato a Montbard (Côte-d’Or). Nel 1933 risulta iscritto nella “Rubrica di frontiera” per perquisizione e segnalazione.
Risulta che contrasse matrimonio con Diomira Marianna Serafini, nata il 16 aprile 1864 a Nonantola (Mo), che, nella località di residenza era «tenuto in buona considerazione» e che non si sarebbe interessato di politica. Nel 1936 risulta occupato come muratore. Due anni dopo il console di Digione segnalò che, rimasto vedovo, viveva in compagnia delle due figlie, che, «malgrado la sua tarda età», lavorava ancora e che, data la sua buona condotta, era stimato dai conoscenti.
Era ancora schedato nel Casellario politico centrale nel gennaio 1941.


FONTI:

GB / di Piero Ambrosio, “Sovversivi” valsesiani schedati nel Casellario politico centrale emigrati in Francia e Svizzera, L'impegno No 1, giugno 2016, Rivista di Storia contemporanea/




CRONOLOGIA: