Cantiere biografico
degli Anarchici IN Svizzera








ultimo aggiornamento: 09/11/2018 - 18:03

FILTRI:  Solo Donne  Solo di passaggio  Solo collaboratori dall'estero  Solo non anarchici  Solo non identificati  ultime modifiche 
Cantoni:
 AI AR AG BL BS BE FR GE JU GL GR LU NE
 NW OW SG SH SO SZ TI TG UR VS VD ZG ZH
inverti selezione cantoni     vedi sigle

AI Appenzello interno
AR Appenzello esterno
AG Argovia
BL Basilea campagna
BS Basilea città
BE Berna (anche città - capitale)
FR Friborgo (anche città)
GE Ginevra (anche città)
JU Giura
GL Glarona
GR Grigioni
LU Lucerna (anche città)
NE Neuchâtel (anche città)
NW Nidwaldo
OW Obwaldo
SG San Gallo (anche città)
SH Sciaffusa (anche città)
SO Soletta (anche città)
SZ Svitto (anche città)
TI Ticino
TG Turgovia
UR Uri
VS Vallese
VD Vaud
ZG Zugo (anche città)
ZH Zurigo (anche città)
    A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z tutto       Crea un PDF 

HARDEGGER Margarethe (HARDA Mark)

Telegrafista, segretaria femminile USS, giornalista



  Risultati immagini per hardegger margherete 

Berna BE 20.2.1882 da Andreas Gottlieb Hardegger (funzionario telegrafi) e Anna-Susanne Blank (ostetrica) – Minusio TI 23.9.1963.

Sposata dapprima con August FAAS (avvocato, poi cantante), con il quale avrà due figlie: Olga nel 1903 e Elisabeth nel 1904. Si risposa nel 1950 con Hans (Giovanni) BRUNNER (1887-1960).

Prima segretaria femminile dell'Unione sindacale svizzera (USS) a Berna, ma su posizioni sindacaliste rivoluzionarie, organizzatrice di sindacati e di gruppi femminili, attiva nel Sozialistischer Bund (SB - Lega o Alleanza socialista - di matrice anarchica), fondatrice di giornali sindacali e collaboratrice di riviste anarchiche, promotrice di comunità/colonie, sostenitrice del movimento pacifista, della libertà delle donne, dei mezzi contraccettivi e della libertà dell'aborto, del libero amore.

Lavora inizialmente come telegrafista alle PTT, poi con l'aiuto del futuro marito consegue la maturità e studia diritto all'Università di Berna.
Nel 1903 partecipa alla fondazione della Federazione degli operai/e tessili.
Nel 1904 organizza circoli di discussione socialista e femminista, contribuisce ad organizzare le operaie delle fabbriche Bally e Schönenwerd. Nel 1905 traduce in tedesco l'obiezione di coscienza del socialista Charles Naine e nello stesso anno diventa la prima segretaria femminile dell'Unione sindacale svizzera (USS) e fonda subito due organi sindacali femministi: L'Exploitée (mensile pubblicato dal 1906 al 1908 con una tiratura di 2400 copie; stampato dalla Imprimerie des Unions ouvrières de la Suisse romande) e Die Vorkämpferin.
Ecco l'inizio del percorso di quest'anticonformista, una libertaria che preferisce rimanere con le donne in lotta, piuttosto che destinarsi tra le scartoffie di un tavolo d'ufficio sindacale. In effetti, sia nella Svizzera tedesca, sia in Romandia, organizza sindacati e gruppi femminili, dibattiti e conferenze sulla contraccezione, sul diritto della donna del proprio corpo, sul libero amore, sul Libero pensiero, anche in collaborazione con i sindacalisti rivoluzionari e gli anarchici.

Poco dopo, nell'aprile 1906, sorgono i primi dissidi con la burocrazia sindacale socialriformista che proprio non accetta le sue prese di posizione in favore dell' ”azione diretta”.
Prende la parola nel gennaio 1907 (accanto agli anarchici e sindacalisti rivoluzionari G. Herzig*, J. Wintsch*, Bérard*, Avennier* e Fulpius della Libre Pensée) in un imponente comizio di protesta a Ginevra GE contro la decisione delle autorità di espellere dal Cantone il ticinese Luigi Bertoni*, responsabile del quindicinale ginevrino Il Risveglio socialista anarchico e Le Réveil socialiste anarchiste. Il 28.3.1907 è a Losanna per una conferenza su "Formation des syndicats fémminins". Nell'aprile 1907 è presente per sollecitare lo sciopero degli operai dei Produits chimiques di Monthey VS che richiedeva migliori condizioni di lavoro e il riconoscimento del sindacato appena costituito: dopo poco più di una settimana sarà riconosciuto il sindacato e miglioramento dei salari. Nel mese di maggio è invitata da James Guillaume* a Parigi, dove conosce i "dirigenti" della CGT. Non manca in questo periodo la sua presenza al Monte Verità di Ascona TI. Il 21.11.1907 presenta alla Maison du Peuple di Losanna su richiesta UO (Camera del lavoro) "Les syndicats femminins" con la partecipazione di 100 persone e nello stesso mese promuove la fondazione del "Syndicat des femmes prolétaires" di Losanna.
Il 22.1.1908 a Losanna alla Maison du Peuple presenta "Le rôle des femmes pendant les grèves". Nel marzo 1908 dissente apertamente dalle decisioni dell'USS di promuovere una guerra ad oltranza contro la FUOSR (Fédération des Unions Ouvrières de la Suisse romande, sindacalista rivoluzionaria - messa all'indice, entrismo..). Nel giugno 1908 dovrebbe essere relatrice in una conferenza a Saxon VS su "L'organisation ouvrière, Le mouvement des femmes, l'antialcolisme" poi proibita dalle autorità. Nel luglio 1908 viene imprigionata per una notte a Sion VS per aver messo a disposizione al pubblico nel corso di una conferenza l'opuscolo del socialista ginevrino Valentin Grandjean "Tout les renseignements sur le malthusianisme théorique et pratique". Poi si reca a Martigny VS sempre per comizi su questo soggetto, sostenuta dagli anarchici e sindacalisti rivoluzionari.
Nel 1908 si separa di fatto dal marito.
Per il Primo maggio 1909 è oratrice a Ginevra accanto a O. Dinale* nel pomeriggio, la sera ancora con Dinale e Yvetot*, segretario delle Bourses du Travail francesi. Il 26 giugno 1909 con il socialista ticinese Giovanni Devincenti* organizza un comizio al Biergarten di Berna in attesa del processo nei confronti di Bertoni (arrestato per 4 giorni nel corso dello sciopero dei tipografi del 26 maggio).
Ma dal 1908 aumentano i dissapori con gli altri segretari sindacali dell'USS, che l'accusano apertamente di flirtare con gli anarchici, i sindacalisti romandi e tedeschi, di non occuparsi dei suoi doveri amministrativi, ecc. Il suo modo di essere donna, i suoi ideali, non collimano per niente con il pensiero sindacale/socialista riformista: dimissiona dall'USS nel 1909: “la mia esperienza nella vicenda d'Yverdon dello sciopero delle sigaraie [che riescono poi a fondare una propria cooperativa di sigari/sigarette nell'aprile 1908 - La Syndicale] e in altre occasioni hanno risvegliato in me un immenso disgusto della burocrazia centralista e del suo pesante apparato pseudo-statuale. È questo disgusto che mi ha infine portata, questa primavera, a dimissionare dal mio posto di segretaria sindacale”.
Tuttavia non rinuncia al socialismo libertario: subito dopo raggiunge gli anarchici Mühsam a Monaco, poi Gustav Landauer* (con il quale stabilisce una relazione affettiva), e con altri libertari tedeschi e svizzero tedeschi, si impegna maggiormente nel "Sozialistischer Bund" - SB, formato da 16 gruppi intenzionati a fondare colonie comuniste anarchiche, modelli di libertà, solidarietà, uguaglianza e di attività lavorativa svolta nella gioia, in opposizione al capitalismo e allo Stato; modelli che non vogliono essere fini, perché una società socialista avverrà quando i mezzi di produzione, con la rivoluzione, saranno gestiti dalle libere associazioni di produttori e di contadini (5 gruppi a Berlino, 1 a Breslavia, Amburgo, Colonia, Holan der Saale, Heilbronn, Stoccarda, Monaco, Berna, Zurigo, Lucerna).

Dal 1909 al 1913, con lo pseudonimo di Mark Harda, è responsabile a Berna del Sozialist, organo della Lega socialista (SB) fondato con Landauer. Nell'ambito del SB è animatrice del gruppo “Hammer”.
Un primo gruppo del SB vede la luce a Brione TI nel 1912, appartenente al gruppo Tat, fondato da Mühsam nel 1909 con l'aiuto della Hardegger; si chiamava "Askona" e composto da 6 persone, tra cui Alois Gobmeier, tappezziere e la sua compagna Barbara Schott con il figlio e il pittore Max Jenke: ciascuno in casa propria. e uno degli elementi di coesione era vegetarismo. Il gruppo si scioglierà nel 1914. Nel frattempo, nel 1912, viene arrestata alcuni giorni in occasione del processo Ernst Frick*: poi nuovamente arrestata e condannata dalla Corte di Assise di Zurigo per falsa testimonianza nel maggio 1913 a 4 mesi di detenzione sempre per il caso Frick, cui sono dedotti 3 mesi di carcere preventivo. Questa vicenda darà modo a Landauer di trovare le giustificazioni per interrompere le relazioni con lei, cercando di sollevarla dalle cariche del SB (mentre le divergenze fondamentali erano di altra natura: la loro relazione, ed in particolare il disaccordo su temi quali l'amore libero e i diritti delle donne).

Durante la Prima guerra la troviamo anche a Berna e Coira /GR. Nella primavera 1914 progetta la fondazione di una comune agricola in Ticino dove intende vivere secondo i principi del SB. All'impresa partecipano alcuni compagni del gruppo bernese Hammer, per la maggior parte renitenti e artigiani tedeschi, tra cui il suo nuovo compagno, l'alsaziano Heinrich Wagner, il telegrafista Ernst Rutz di SG, Hans Brunner, renitente tedesco, e Max Steudner: ma il progetto non va in porto.
Nel 1915 è condannata a 1 anno di prigione per il suo coinvolgimento in un aborto (con la madre, ostetrica, aveva accettato di aiutare delle donne a procedere a degli aborti).
Nell'autunno 1918 trova a Herrliberg, sul lago di Zurigo, un posto per una nuova comune. Berhnard Mayer*, un commerciante in pellicce, finanzia parzialmente l'esperienza. Due i gruppi interessati: il primo con la Faas e il suo nuovo compagno Hans Brunner*, il falegname Théodor-Ludwig Langemaak e Karl Graf, operaio metallurgico; il secondo composto da studenti seguaci di L. Ragaz, che si erano uniti al noto obiettore Max Kleiber (espulso dal Politecnico federale di Zurigo nel 1917, studente di agronomia) con la moglie Anna e lo studente in teologia Walter Kölliger, ecc. Ma le divergenze fanno fallire ben presto questa comunità socialista.
La Hardegger parte immediatamente per il Ticino: è a Brione nel 1919, poco dopo a Minusio (qui, ritrova un altro compagno del SB, Alois Gobmeier*, del gruppo Tat che dopo il fallimento di una colonia a Brione aveva aperto una pensione vegetariana) dove acquista una casa, il Villino Graziella, e fonda una nuova colonia anarchica con Hans Brunner, il suo ex compagno Heinrich Wagner con la moglie Grete, Max Steudner, Karl Vester, Hermann Engelhardt con moglie ed altri del gruppo Hammer, sempre intenzionati a costituire una comunità di persone ideologicamente affini secondo il pensiero del SB. I membri del gruppo se ne considerano dei "pionieri" e battezzano il Villino Graziella "Casa-colonia del Sozialisticher Bund".
Dopo 5 anni, nel 1924, le difficoltà economiche sono troppo rilevanti e tutto crolla. Tuttavia, alcuni rimangono nella regione diventando artigiani indipendenti, e promuovono tra di loro il mutuo soccorso. Ma rimangono le difficoltà economiche per sbarcare il lunario e nel 1935 B. Mayer aiuta ancora la Faas ad evitare il fallimento, prestandole del denaro. Nel 1938 con il suo compagno Brunner - che aveva aperto un laboratorio di falegnameria - è anche tra le fondatrici della comunità di coloni e piccoli proprietari ticinesi accanto a Jordi di Fontana Martina (sita tra Ascona e Brissago/TI). Tra le numerose relazioni si ricorda anche l'artista e libertario W. Schwerzmann*, pure dom. a Minusio.
Benché seguaci del libero amore, per parare le minacce di vedere una piccola eredità di Brunner confiscata dagli alleati, dopo oltre trent'anni di convivenza Margarethe e Hans (Giovanni) si sposano nel 1950.

Rimane sempre attiva in numerose associazioni, tra cui Il Comitato donne contro la guerra e il fascismo, le Donne per la pace, in gruppi in favore degli esuli antifascisti, nel Comitato Pestalozzi per i figli dei repubblicani spagnoli, nel Soccorso operaio svizzero per le vittime della guerra.
A 81 anni, dopo essersi "allenata" per alcune settimane, partecipa ancora alla Marcia per la Pace, per un tratto da Ginevra a Losanna /VD.


FONTI:

GB // diversi in: La Voix du Peuple di Pully-Ginevra, Le Réveil anarchiste, Ginevra / L'Exploitée, ristampa del mensile, Edtions Noirs, Ginevra 1977 / AAVV, "Monte Verità", Milano / Ina Boesch, "Gegenleben. Die Sozialistin M. Hardegger und ihre politischen Bühnen", Cronos Verlag Zurigo 2003 / Regula Bochsler, "Ich folgte meinem Stern. Das kämpferische Leben der M. Hardegger," Pendo Verlag Zurigo 2004 / Regula Bochsler, "Esodo dall'Egitto, M. Hardegger e i coloni pionieri del SB in Ticino", in AAVV, Senso della vita e bagni di sole, Fondazione Monte Verità, Ascona 2001 / Nouvelliste,  16.4 - 25-4-1907 / Feuille d'avis du Valais, 27.6 - 28.6 - 2.7- 14.7.1908  / Journal de Genève, 25.11.1908 - 6.5.1913 -11.7.1913 per la condanna a 4 mesi / Rév. 5.1.1913 / Libera Stampa, 24.9.1963 annuncio funebre "Margherita vedova Brunner, nata Hardegger" / Wilhelm Schwerzmann*, in Voce libertaria, Caslano TI - no 37, aprile-giugno 2017 /




CRONOLOGIA: