Cantiere biografico
degli Anarchici IN Svizzera








ultimo aggiornamento: 10/08/2022 - 18:34

FILTRI:  Solo Donne  Solo di passaggio  Solo collaboratori dall'estero  Solo non anarchici  Solo non identificati  ultime modifiche 
Cantoni:
 AI AR AG BL BS BE FR GE JU GL GR LU NE
 NW OW SG SH SO SZ TI TG UR VS VD ZG ZH
inverti selezione cantoni     vedi sigle

AI Appenzello interno
AR Appenzello esterno
AG Argovia
BL Basilea campagna
BS Basilea città
BE Berna (anche città - capitale)
FR Friborgo (anche città)
GE Ginevra (anche città)
JU Giura
GL Glarona
GR Grigioni
LU Lucerna (anche città)
NE Neuchâtel (anche città)
NW Nidwaldo
OW Obwaldo
SG San Gallo (anche città)
SH Sciaffusa (anche città)
SO Soletta (anche città)
SZ Svitto (anche città)
TI Ticino
TG Turgovia
UR Uri
VS Vallese
VD Vaud
ZG Zugo (anche città)
ZH Zurigo (anche città)
    A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z tutto       Crea un PDF 

FABBRINI BALLERINI Teresa, Maria, Anna, Carolina


Firenze 1.9.1855 ( o agosto?) da Luigi e Agata Ciancolini – Losanna /VD 22.7.1903.
(Nata Fabbrini - sposata con Ballerini Olimpio, Firenze 26.4.1853 da Pietro)

Collabora dal 1893 a diverse testate libertarie come Il Paria di Pisa, La Questione sociale di Firenze, Sempre Avanti! di Livorno, La Favilla... Sempre nel 1893 tiene conferenze nei sobborghi pisani sul tema "Anarchia e socialismo e abolizione di qualsiasi principio di autorità". Nel giugno una conferenza a Colle d'Elsa le procura una denuncia e una condanna a 28 giorni di reclusione. Scarcerata nel marzo 1894 è nuovamente arrestata il mese dopo per associazione a delinquere e oltraggio alla forza pubblica, e condannata a 2 mesi, cui si aggiungono 80 giorni di carcere preventivo. Nell'ottobre nuovamente condannata a 6 mesi di prigione e assegnata per 18 mesi al domicilio coatto di Orbetello. In seguito vi è la vigilanza speciale giornaliera. Minacciata nuovamente, si reca con la sua famiglia Nizza.
Nel 1898 espulsa dalla Francia, ripara in Svizzera nel Canton Ginevra, ma anche qui, dopo lo sciopero generale dell’ottobre 1902, le tocca la stessa sorte. Ripara quindi nel canton Vaud, dove abita presso Jean-Octave Pellegrino, tipografo, dapprima a Clarens, poi a Losanna: logorata dalla malattia, si spegne nel 1903.

 


FONTI:

GB // DBAI // Polizia politica, Berna, rapp. del 30.1.1903 - Kreisschreiben 1903, No 2 // Gazette de Lausanne, 25.7.1903 - annuncio decesso a Losanna, a 48 anni // Tomaso Marabini in "Compagne di schiavitù, avanti!",  Rivista A, Milano, ottobre 2012 // CAC 21-045 segnalata nel 1901 //




CRONOLOGIA: