Cantiere biografico
degli Anarchici IN Svizzera








ultimo aggiornamento: 18/08/2022 - 14:43

FILTRI:  Solo Donne  Solo di passaggio  Solo collaboratori dall'estero  Solo non anarchici  Solo non identificati  ultime modifiche 
Cantoni:
 AI AR AG BL BS BE FR GE JU GL GR LU NE
 NW OW SG SH SO SZ TI TG UR VS VD ZG ZH
inverti selezione cantoni     vedi sigle

AI Appenzello interno
AR Appenzello esterno
AG Argovia
BL Basilea campagna
BS Basilea città
BE Berna (anche città - capitale)
FR Friborgo (anche città)
GE Ginevra (anche città)
JU Giura
GL Glarona
GR Grigioni
LU Lucerna (anche città)
NE Neuchâtel (anche città)
NW Nidwaldo
OW Obwaldo
SG San Gallo (anche città)
SH Sciaffusa (anche città)
SO Soletta (anche città)
SZ Svitto (anche città)
TI Ticino
TG Turgovia
UR Uri
VS Vallese
VD Vaud
ZG Zugo (anche città)
ZH Zurigo (anche città)
    A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z tutto       Crea un PDF 

GIORNI Secondo Francesco
Verniciatore di carrozze, operaio

Sansepolcro (AR) 19.9.1885 da Bernardo e Geltrude Novembri - Si ignorano la data e luogo di morte (prob. in Francia).

Nel 1905 lavora a Marsiglia come verniciatore, ed è segretario della sezione socialista. Rientra in Italia, pubblica a Torino  nel 1911 l'opuscolo neomalthusiano "L'Arte di non far figli - Neo-malthusianismo pratico"(64 pp) per il quale viene incriminato per oltraggio al pudore e 2 anni dopo viene clamorosamente assolto (in 10 anni vi sono 7 edizioni e una tiratura di ben 85'000 copie). Dal 1912 rompe con i socialisti e diventa anarchico. Cofondatore della Lega neomalthusiana italiana.
Si rifugia in Svizzera per diserzione nel 1916 o 1917, soffermandosi a Bellinzona /TI (dove prob. conosce Peretti), poi si stabilisce a Zurigo, dove frequenta l'ambiente cosmopolita e assai stimolante degli artisti e degli scrittori dell'avanguardia, inviando articoli antimilitaristi alla stampa socialista e anarchica. Nel marzo 1918 è internato a Witzwil /BE per la parte avuta nello sciopero dei renitenti e disertori.
Poco dopo è obbligato a lasciare la Svizzera, viene arrestato alla frontiera alzaziana e da qui espulso quale "agente della propaganda bolscevica". Rientra in Italia nel 1919 beneficiando dell'amnistia e apre a Firenze una libreria malthusiana. Pubblica anche "Il neo-malthusianismo e la guerra mondiale" (Firenze 1922). Perseguitato dai fascisti, nel 1925 espatria in Francia, stabilendosi a Nizza e lavorando nelle ferrovie.
Nel 1930 da Nizza scrive una lettera a Giuseppe Peretti di Bellinzona chiedendo informazioni sulla madre e sulla rivista anarchica Vogliamo! pubblicata a Biasca /TI.
L'ultima segnalazione di polizia italiana è dell'aprile 1942 e risulta sempre in Francia. In contatto epistolare con Henriette Jeanne Humbert-Rigaudin (1948).

FONTI:
GB // DBAI // Lettera a Giuseppe Peretti 18.7.1930,  CCV Locarno // Risv. 16.3.1918 per l'arresto - 22.2.1919 //



CRONOLOGIA: