Cantiere biografico
degli Anarchici IN Svizzera








ultimo aggiornamento: 10/08/2022 - 18:34

FILTRI:  Solo Donne  Solo di passaggio  Solo collaboratori dall'estero  Solo non anarchici  Solo non identificati  ultime modifiche 
Cantoni:
 AI AR AG BL BS BE FR GE JU GL GR LU NE
 NW OW SG SH SO SZ TI TG UR VS VD ZG ZH
inverti selezione cantoni     vedi sigle

AI Appenzello interno
AR Appenzello esterno
AG Argovia
BL Basilea campagna
BS Basilea città
BE Berna (anche città - capitale)
FR Friborgo (anche città)
GE Ginevra (anche città)
JU Giura
GL Glarona
GR Grigioni
LU Lucerna (anche città)
NE Neuchâtel (anche città)
NW Nidwaldo
OW Obwaldo
SG San Gallo (anche città)
SH Sciaffusa (anche città)
SO Soletta (anche città)
SZ Svitto (anche città)
TI Ticino
TG Turgovia
UR Uri
VS Vallese
VD Vaud
ZG Zugo (anche città)
ZH Zurigo (anche città)
    A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z tutto       Crea un PDF 

GOGELIA, Georgi (Giorgi - Victor ?) (o GOGELIJA, GOGHELIA - GOGELIANI ... ps: ORGEIANI K. e ILLIASHVILI K.I.)

Studente, chimico



Chimiste





 

Ozurgeti del Kutaisa (Russia) 6.9.1878 - Tiflis/Georgia (Caucaso) 21.12.1924.

Abbandonato il Seminario, si trasferisce in Francia nel 1897, dove studia agronomia a Lione poi in Svizzera a Losanna VD, dove ottiene il diploma cantonale di agricultura il 18.3.1899.
Partecipa il 5 aprile 1901 a una manifestazione di studenti russi a Ginevra GE, che strapparono lo stemma posto sulla facciata del consolato russo e lo calpestarono, con grande scandalo della stampa locale. Con la moglie Lydia Ikonnikova e un'ex-studentessa Maria Korn, nata Goldschmidt (la cui madre era stata suo tempo seguace del populista P. Lavrov e il cui padre aveva pubblicato a Pietroburgo un giornale positivista) fonda a Ginevra nel 1903 il gruppo anarchico e il mensile “Khleb i Volia” (Pane e libertà - agosto 1903-novembre 1905 No 24), stampato dal tipografo ginevrino Emile Held, in cui lo sciopero generale viene definito un potente strumento per la classe operaia. Il primo numero dell'agosto 1903 contiene pure l'esaltante proclamazione secondo la quale la Russia si trovava "nell'epoca" di una grande rivoluzione. Da Londra Kropotkin vi collabora con numerosi articoli. Fatto entrare clandestinamente attraverso i confini della Polonia e dell'Ucraina, il periodico venne accolto con grande entusiasmo dagli anarchici di Bialystok (dove esisteva un gruppo anarchico fin dal 1903). Il periodico fu presto sommerso dalle richieste di nuove pubblicazioni e rispose pubblicando opuscoli di Bakunin, Kropotkin e con traduzioni russe di Grave, Malatesta, Reclus, con contributi di Cherkezov V.N. collaboratore di Kropotkin a Londra (analisi critica della dottrina marxista - 1903), mentre "Orgeiani" (con un nuovo pseud.: K. Illiashvili) rievoca, Ginevra 1905, i tragici disordine di Haymarket Square del 1886, conclusisi con il martirio dei quattro anarchici di Chicago. Prendendo come modelloo la CGT farncese, il gruppo si pronunciava in favore del sindacalismo rivoluzionario e per la creazione in Russia di sindacati e borse del lavoro.
Nel frattempo, nel 1903, partecipa ad una campagna di protesta per l'arresto di Burcev, (assieme a Kovalskaja, Romanov, Luigi Bertoni). Nel mese di aprile 1904 partecipa a una riunione del Partito dei socialisti georgiani, in cui vi era un folto gruppo di anarco-comunisti, e nel mese di dicembre partecipa a Londra ad una riunione come rappresentante del gruppo "Pane e libertà". In seguito è pure attivo in Georgia, e poi si traferisce a Tiflis dove vive illegalmente.
Di nuovo a Ginevra nel 1906, e nel 1908 è tra i fondatori dell'Unione russa anarco-comunista...

Milita a Parigi nel gruppo anarco-comunista che conta una cinquantina di membri e nel 1914 partecipa a un comizio in commemorazione del centenerario della nascita di Bakunin, oratore insieme a Maria Korn, Rogdaev, Zabrezhenev, Sébastien Faure e Georges Yvetot. Collabora pure nello stesso tempo al giornale anarco-sindacalista russo Golos Truda, pubblicato dal 1911 negli USA e Canada.
Alla dichiarazione della guerra, venne arrestato assieme a decine di anarchici stranieri ed espulso dalla Francia.

Nel 1916 "Orgeijani", con Grossman-Roshchin ed altri del gruppo anarcosindacalista di Zurigo e Ginevra, pubblica "Put' k Svobode" a Ginevra nel maggio 1917 (un solo numero), in cui appare un suo articolo contro la posizione di Kropotkin in favore dell'interventismo/Unione sacra.

Lo troviamo a Pietroburo nel corso della Rivoluzione sovietica, poi ritorna a Tiflis. Nel marzo 1918 in Golos Anartkhista sottoscrive con sua moglie e  Roshchin una dichiarazione sulle espropriazioni individuali, a loro parere inaccettabili... ma continua nel Caucaso a difendere le teorie anarco-sindacaliste.

"Goghelia, che fu dei nostri venticinque anni orsono, allorché lanciavamo Le Réveil, non gli piaceva molto parlare di sè e noi stessi ignoravamo la parte cospicua da lui avuta nel movimento russo. Egli ci fu caro come un amico devotissimo, dallo spirito agile, dall'intelletto chiaro, da giudizio sicuro. Demmo di lui vari articoli interessanti; ma il suo contributo maggiore alla propaganda delle idee anarchiche egli ebbe a darlo principalmente nelle lingue russa e georgiana, con degli scritti frimati con pseudonimi diversi; e con le traduzioni delle principali nostre opere. Gli si deve inoltre un volume in russo sulla Prima Internazionale ed altri scritti minori. Fu pure redattore di un giornale quotidiano in georgiano Khna, e sino all'ultimo, nonostate la sua salute assai compromessa, non cessò di far opera di propagandista. Quando scoppiò la rivoluzione in Russia, le sue forze già l'abbbandovano ma egli volle rientrare nella sua natìa Georgia, da dove ci fu dato sapere dalla sua devota compagna che egli soffriva d'infinite privazioni. Da due anni eravamo ormai privi di notizie dirette... Giorgio Goghelia ci rammenta un 'epoca particoalrmente attiva del nostro movimento. Noi formavamo qui a Ginevra un gruppo di giovani entusiasti che si prodigavano in iniziative, riunioni, conferenze, spingendo la propaganda in tutti gli ambienti, fra i gruppi studenteschi, come fra gli operai nei sindacati. Poi un po' le espulsioni, un po' le partenze, un po' le stesse necessità della vita sopravvennero a falciare via via le nostre forze. Non che la verità non fosse dalla nostra parte; ma in seno alle masse stanche hanno putroppo facile adito le teorie del minor sforzo, della azione fatta per delegazione, dei poteri provvidenziali. Persiono l'immane catastrofe della guerra non valse a suscitare nella massa una revisione delle idee ammesse. Con l'esaurimento che l'avvinse essa ricadde in una fede cieca e religiosa nei salvatori della politica, non meno ingannevoli di quella della Chiesa... I dettagli sulla parte avuta da Goghelia negli ultimi avvenimenti in Russia, ci fanno difetto. Accasciato dal male, egli deve aver sofferto di quanto succedeva, senza aver modo di contribuire personalmente a dare ai afatti dun'altra direzione, pure mantenendo fisso lo sguardo all'estremo anelito all'ideale ed all'azione anarchica" (Le Rév.)

Altre info di c.f. [Carlo Frigerio] su "Pensiero e Volontà":
"Conoscemmo G. Goghelia quando, giovane pieno d'ingegno e di forza, studiava chimica, esule in Isvizzera. Di ricca famiglia georgiana, egli aveva del suo paese natio tutta la foga e la passione un po' intemperante. Ma lo studio ed il tempo, e più tardi il male che non perdona, calmarono quella foga e ne incanalarono gli impeti in una attività teorica e propagandistica di migliore lega, che soltanto la malattia, obbligandolo a periodi di accasciamento e diparalisi, impedì di assumere proporzioni più importanti. Lo  rivedemmo a Parigi, poco prima della guerra, in un comizio internazionale - se ben ricordiamo all'occasione del 1. Maggio - dove egli prese la parola in russo. Quando  scoppiò il grande cataclisma, egli fu, con quale diecina di "stranieri", arrestato dalla polizia francese, nonostante che il governo dell'ex socialista Viviani, cui premeva di realizzare l'Union sacrée, avesse dato le più ampie assicurazioni che il "Carnet B" - l'elenco cioè dei sospetti politici da sottoporre ad arresto in caso di dichiarazioni di guerra - non avrebbe avuto applicazione. Lo vedemmo allora per l'ultima volta, lui malato, nelle fetide guardine del "Dépot", dove il governo della DIfesa ci aveva cacciati per conincerci della bontà dei motivi che spingevano le nazioni a massacrarsi a vicenda in nome della "Libertà e della Giustizia"" calpestate. Goghelia fu tra quelli che, sin dal primo inizio, non si lasciarono accecare dalle frasi altisonanti dei guerraioli e pur soffrendo nel vedere che dei compagni nostri fra i più noti ed amati facessero coro ai richiami dei partigiani dell' "ultima guerra", non piegarono la bandiera la bandiera dell'internazionalismo, non si lasciarono trascinare da un falso sentimentalismo neo-patriottico - tanto più pericoloso quanto più seducente - e si ripiegarono nella loro fede in un ideale di umana solidarietà. Le falangi di rivoluzionari russi - socialisti ed anarchici - che in Francia si arruolarono volontari della Gran Guerra grazie all'appello degl'intellettuali, dovevano a brevissima scadenza accorgersi della assoluta fallacia dei motivi di quell'appello, e non pochi pagarono con la fucilazione sommaria la loro tardiva resipiscenza. Parimenti egli non cadde, come tant'altri, nella pània del bolscevismo, illudendosi che coi metodi di terrorismo statale e con una dittatura, sia pur rivoluzionaria, si potessero realizzare la libertà e l'eguaglianza fra gli uomini. Fino all'ultimo lui rimase un avversario deciso di ogni oppressione borghese o proletaria. Con lui muore un anarchico che non ha piegato".



Etudiant issu d’une famille aisée, Georgi Gogelia émigra en 1897 en France puis en Suisse, où il obtint son diplôme à l'Ecole d'agriculture du canton de Vaud en mars 1899.
Il participa le 5 avril 1901 à une manifestation d’étudiants russes à Genève GE, qui décrochèrent l’écusson tsariste apposé sur la façade du consulat de Russie et le piétinèrent, au grand scandale de la presse locale. Il fonda en 1903 le groupe anarchiste et le mensuel Khleb i Volia (Genève, n°1, août 1903, à n° 24, novembre 1905) avec sa compagne Lydia Ikonnikova (qui avait soutenu sa thèse de médecine à Lausanne en 1901) et Maria Korn (Goldsmith). Quelques copies du journal, imprimé par Emile Held, 49 rue de Carouge à Genève, étaient ensuite passées clandestinement par la Pologne et l’Ukraine pour le jeune groupe anarchiste de Bialystok, Borba (La Lutte) qui comptait une douzaine de membres et qui reproduisit à la main des copies des articles ou textes, diffusées ensuite jusqu’à Odessa et même dans l’Oural. Le groupe Khleb i Volia publia également des brochures de Bakounine et Kropotkine ainsi que des traductions en russe de textes de Grave, Malatesta ou Reclus. Prenant comme modèle la CGT française, le groupe se prononçait en faveur du syndicalisme révolutionnaire et pour la création en Russie de syndicats et bourses du travail.
Un peu avant la grande guerre il militait à Paris au groupe anarchiste communiste russe qui comptait une cinquantaine de membres et en 1914 participait à un meeting commémorant le centenaire de la naissance de Bakounine, où il fut l’un des orateurs aux cotés de Maria Korn, Rogdaev, Zabrezhnev, Sébastien Faure et Georges Yvetot. Il collaborait à la même époque au journal anarcho-syndicaliste russe Golos Truda publié depuis 1911 aux Etats Unis et Canada. À la déclaration de guerre, il fut arrêté tout comme des dizaines d’anarchistes étrangers puis expulsé de France. En 1916 il était membre du groupe anarchiste communiste de Genève, condamnait les signataires du Manifeste des 16 qualifiés "d’anarcho patriotes" et éditait avec Roshchin le journal des groupes anarcho-communistes de Zurich et Genève Put’k Svobode (Genève, un seul n° en mai 1917).
Georgi Gogelia, qui avait été en 1905 l’auteur d’une brochure sur les martyrs de Chicago, retourna au Caucase lors de la révolution et continua de défendre les théories anarcho-syndicalistes.

Louis Bertoni, qui avait reçu un télégramme de Rogdaev annonçant la mort de leur ami commun, lui rendit hommage: « Georges Goguelia, qui fut des nôtes il y a vingt-cinq ans, lorsque nous avons lancé le Réveil, n’aimait guère parler de lui-même, aussi ne connaissions-nous pas la part importante prise par lui au mouvement russe… Nous avons donné de lui plusieurs articles intéressants, mais c’est surtout en langue russe et géorgienne qu’il a puissamment contribué à la propagande anarchique, signant ses écrits de plusieurs pseudonymes… Il a aussi été rédacteur d’un quotidien géorgien, Khma (Réveil, sauf erreur), se donnant sans cesse, malgré sa santé depuis longtemps compromise, à une lourde besogne de propagandiste. »
 


FONTI:

GB / ME / P. Avrich, "L'altra anima della rivoluzione. Storia del movimento anarchico russo" e "Gli anarchici nella rivoluzione russa" (La Salamandra) / Le Réveil 17 janvier 1925 / Pensiero e Volontà... 1926 /  Journal de Genève, 7 avril 1901/ Feuille d'Avis de Lausanne, 18 mars 1899 /police judiciare Genève 1907-1909 /




CRONOLOGIA: