Cantiere biografico
degli Anarchici IN Svizzera








ultimo aggiornamento: 11/08/2019 - 18:35

FILTRI:  Solo Donne  Solo di passaggio  Solo collaboratori dall'estero  Solo non anarchici  Solo non identificati  ultime modifiche 
Cantoni:
 AI AR AG BL BS BE FR GE JU GL GR LU NE
 NW OW SG SH SO SZ TI TG UR VS VD ZG ZH
inverti selezione cantoni     vedi sigle

AI Appenzello interno
AR Appenzello esterno
AG Argovia
BL Basilea campagna
BS Basilea città
BE Berna (anche città - capitale)
FR Friborgo (anche città)
GE Ginevra (anche città)
JU Giura
GL Glarona
GR Grigioni
LU Lucerna (anche città)
NE Neuchâtel (anche città)
NW Nidwaldo
OW Obwaldo
SG San Gallo (anche città)
SH Sciaffusa (anche città)
SO Soletta (anche città)
SZ Svitto (anche città)
TI Ticino
TG Turgovia
UR Uri
VS Vallese
VD Vaud
ZG Zugo (anche città)
ZH Zurigo (anche città)
    A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z tutto       Crea un PDF 

KILLE-BESENDORFER Albert
Panettiere

Boulanger

San Gallo 31.12.1896 - (Barcellona 1937?).

Figlio "illegittimo" cresce in un foyer e all'età di 10 anni viene affidato in Germania. Ritorna a San Gallo nel 1913, ma trascorre gli anni di guerra in Germania: ingaggiato come volontario, ma probabilmente passato nel campo francese. Lavora in seguito come panettiere nei pressi di Suttgart e aderisce al Partito comunista nel 1931. Nel 1933 fugge in Austria poi a Praga, dove probabilmente frequenta ambienti anarchici, prima di ritornare presso la sorella in Svizzera e vivere anni di vagabondaggio.
Agli inizi di settembre 1936 giunge a Barcellona alla caserma Bakunin e figura come miliziano nel Gruppo internazionale della Colonna Durruti. Ferito il 6 gennaio 1937, trascorre un mese all'ospedale. In seguito si trasferisce a Valenzia e combatte nella Colonna di Ferro per alcune settimane. Di ritorno a Barcellona dove è testimone delle giornate di maggio 1937, viene arrestato per alcuni giorni. Le sue tracce si perdono nel giugno 1937.

Secondo altre fonti: Dopo Praga ritorna in Francia aderendo ai gruppi anarco-sindacalisti tedeschi DAS. In Spagna miliziano del Gruppo internazionale della Colonna Durruti fino a dicembre 1936, poi assegnato nel gruppo di vigilanza delle frontiere controllato dalla CNT/FAI di Port Bou con Helmut e Herbert Aul, Fritz Koëhn, Helmut Klose, Heinz Petry, Philippe Urban e Richard Winkler. Dopo i moti di Barcellona di maggio 1937 tra anarchici e stalinisti, venne arrestato da quest'ultimi nel settembre 1937 e imprigionato al carcere La Modelo di Barcellona, dove morì.



Enfant illégitime, il est élevé en foyer et placé à 10 ans en Allemagne. Il revient à Saint-Gall en 1913 mais passe les années de guerre en Allemagne: il s'est engagé comme volontaire, mais a probablement passé dans le camp français. Il travaille ensuite comme boulanger près de Stuttgart et entre au Parti communiste en 1931. en 1933 il s'enfuit en Autriche puis à Prague avant de revenir chez sa sœur en Suisse et de vivre des années d'errance. Début septembre 1936 il arrive à Barcelone à la caserne Bakounine et se voit enrôler dans le Groupe international de la colonne Durruti. Le 6 janvier 1937, il est blessé et passe un mois à l'hôpital. Il se rend ensuite à Valence et combat quelques semaines dans la Colonne de Fer. De retour à Barcelone où il est témoin des journées de mai 1937, il est arrêté brièvement. Ses traces se perdent en juin 1937.
(voir en italien...).

FONTI:  
ME-GB // Peter Huber, Schweizer Spanienfreiwilligen // DIMA (D. Nelles, H. Pietrowski, U. Linse e C. Garcia "Antifascistas alemanes en Barcelona...")  //



CRONOLOGIA: