Cantiere biografico
degli Anarchici IN Svizzera








ultimo aggiornamento: 29/04/2022 - 11:42

FILTRI:  Solo Donne  Solo di passaggio  Solo collaboratori dall'estero  Solo non anarchici  Solo non identificati  ultime modifiche 
Cantoni:
 AI AR AG BL BS BE FR GE JU GL GR LU NE
 NW OW SG SH SO SZ TI TG UR VS VD ZG ZH
inverti selezione cantoni     vedi sigle

AI Appenzello interno
AR Appenzello esterno
AG Argovia
BL Basilea campagna
BS Basilea città
BE Berna (anche città - capitale)
FR Friborgo (anche città)
GE Ginevra (anche città)
JU Giura
GL Glarona
GR Grigioni
LU Lucerna (anche città)
NE Neuchâtel (anche città)
NW Nidwaldo
OW Obwaldo
SG San Gallo (anche città)
SH Sciaffusa (anche città)
SO Soletta (anche città)
SZ Svitto (anche città)
TI Ticino
TG Turgovia
UR Uri
VS Vallese
VD Vaud
ZG Zugo (anche città)
ZH Zurigo (anche città)
    A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z tutto       Crea un PDF 

LACCHINI Vivaldo
Laureato in farmacia e in chimica, commesso di farmacia

Lugo (RA) il 21.12.1872 da Carlo e Teresa Marzetti - Imola 21.11.1928

Ps nei giornali: Magrin, Ravachol.
Nell'aprile 1893 in previsione delle manifestazioni per il Primo maggio, la Prefettura ne ordina l'arresto preventivo. In settembre è tra i principali promotori del No unico I Malfattori, subito sequestrato. Nel dicembre 1893, al termine di un processo a 15 anarchici lughesi in cui rivendica il proprio ideale, viene condannato a 1 anno di reclusione e a 1 anno di vigilanza per associazione a delinquere. Nel 1897 partecipa alla campagna contro il progetto di legge del domicilio coatto dove prende la parola a Bologna, nelle Marche, in Romagna. Assertore della necessità di serrare le fila degli anarchici italiani, convinto sostenitore dell'organizzazione, nel gennaio 1898 con Nino Samaia rappresenta gli anarchici bolognesi a una riunione a Faenza. Nell'aprile 1898 con L. Fabbri, Felice Vezzani, Domenico Zavattero e Samaia è tra i fondatori de L'Agitazione di Ancona, ma diretto da Malatesta dopo che l'intero corpo redazionale era stato arrestato poco prima al termine dei moti del pane anconetani. Si rifugia a Nizza, poi a Parigi.
Nell'estate 1898 collabora con Vezzani ed Ersilia Cavedagni, al periodico L'Agitatore fondato da Giuseppe Ciancabilla a Neuchâtel /NE. Nei primi del 1900, con Samaia fa parte del gruppo di esuli che contribuiranno a far nascere a Ginevra /GE il Risveglio socialista anarchico. Tuttavia, nel maggio 1900 [...Il Risveglio esce in luglio] rientra a Lugo per terminare gli studi di farmacia (1900) e si avvicina al Partito repubblicano, cui aderisce nel 1902.
Nel 1904 si laurea in chimica. Poco dopo è colto dai primi sintomi della malattia mentale che lo accompagnerà per tutta la vita. Muore nel manicomio di Imola.

FONTI: DBAI / GB /


CRONOLOGIA: