Cantiere biografico
degli Anarchici IN Svizzera








ultimo aggiornamento: 23/03/2019 - 13:23

FILTRI:  Solo Donne  Solo di passaggio  Solo collaboratori dall'estero  Solo non anarchici  Solo non identificati  ultime modifiche 
Cantoni:
 AI AR AG BL BS BE FR GE JU GL GR LU NE
 NW OW SG SH SO SZ TI TG UR VS VD ZG ZH
inverti selezione cantoni     vedi sigle

AI Appenzello interno
AR Appenzello esterno
AG Argovia
BL Basilea campagna
BS Basilea città
BE Berna (anche città - capitale)
FR Friborgo (anche città)
GE Ginevra (anche città)
JU Giura
GL Glarona
GR Grigioni
LU Lucerna (anche città)
NE Neuchâtel (anche città)
NW Nidwaldo
OW Obwaldo
SG San Gallo (anche città)
SH Sciaffusa (anche città)
SO Soletta (anche città)
SZ Svitto (anche città)
TI Ticino
TG Turgovia
UR Uri
VS Vallese
VD Vaud
ZG Zugo (anche città)
ZH Zurigo (anche città)
    A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z tutto       Crea un PDF 

LAFRANCHI Fiorenzo (Fiore)

Educatore e editore



Educateur, éditeur



Risultati immagini per fiorenzo lafranchi

Cadenazzo /TI 28.11.1957 da Mario e Carmen – Varsavia 9.8.1995.
Sposato con la scultrice Malgorzata (Margherita) Turewicz. Figlio: Olek (-Dada), nato il 19.2.1995.

Domiciliato a Cadenazzo, Somazzo, poi a Bellinzona.
Studente educatore a Ginevra, collabora al gruppo anarchico locale che pubblica Le Réveil e in seguito MA! La sua difesa in quanto obiettore al tribunale militare verrà pubblicata nell'opuscolo "Niente di nuovo contro il sole".
Rientrato in Ticino sarà educatore con i tossicodipendenti, poi con i disabili, e nel contempo editore dal 1982 al 1995 delle pubblicazioni ticinesi "L'Affranchi". Cofondatore della Lega dei diritti dell'uomo, sezione della Svizzera italiana.

“Nel chiuso e triste panorama editoriale ticinese Fiorenzo Lafranchi ha rappresentanto un unicum di grande valore. Al di là delle mode, del regionalismo più chiuso o dell'italianità cultural-borghese, ha portato un'apertura morale ed intellettuale che superava i confini del territorio per spostarsi verso mete più ambite e coraggiose. Solo l'audacia e la volontà delle proprie idee hanno permesso infatti di partorire un progetto editoriale come il suo, alieno da sovvenzioni confederali e da aiuti altolocati, per creare in Ticino le edizioni “l'Affranchi”, piccole gemme di autoproduzione e di non subalternatià al potere. In un paese dove le caste culturali dominano sulla produzione e la sua veicolazione attraverso i media, forse solo pochi fortunati conosceranno i volumi di Oskar Panizza, Benjamin Péret, Erich Müsham, Georges Bataille, Enrico Baj, solo per citarne alcuni che Lafranchi ha editato con sforzo immane e tenacia indomita.
Ho conosciuto Fiorenzo anni fa, durante la realizazione della mia rivista Imago. Ha iniziato le sue edizioni nel 1988 e subito, accanto allo sforzo ideale della ricerca dei testi si è unita la volontà di proporli assieme ai lavori di pittori diversi, e che possibilmente si conoscono, anche per ricercare un certo piacere del fare”. Accanto ai testi quindi – unico esempio del panorama ticinese – troviamo i disegni di Nando Snozzi, Fabrizio Soldini, Mario Carrìon, Francesco Jost, Celso Grandi e altri, fra i quali il sottoscritto. Proprio da qui è nato il sodalizio per una nuova collana, che chamerà “Ouverture”, in cui lui, obiettore di coscienza, ha proposto i miei disegni dedicati appunto agli obiettori. Durante il lavoro comune lo rammento sempre entusiasta, febbricitante di idee, in perenne movimento ed azione come è stata la sua vita forse un po' sregolata, ma certamente personalissima: fatta di ribellione all'esercito, di duro lavoro con i tossidipendenti o di partecipazione alla neocostituita “Lega Svizzera dei diritti dell'uomo”. Poi la felice svolta del matrimonio con Margherita e la nascita il 19 febbraio di quest'anno del figlio Olek. Fiorenzo è scomparso a Varsavia all'inizio di agosto inaspettatamente, lasciandoci un patrimonio di idee e di cultura che andranno risistemati e valorizzati. A noi piace ricordarlo così attraverso il brano dadaista di una sua recente profetica lettera nella quale scriveva: 'Comunque andare non è tornare!'" (G. Bellei).



Etudiant à Genève, il se lie au groupe anarchiste local qui publie le Réveil puis MA! Il y publie notamment sa défense au tribunal militaire, Niente di nuovo sotto il sole. De retour au Tessin, où il travaille comme éducateur de rue, il y fonde les éditions L'Affranchi qui publient une série de textes d'une grande originalité, tant dans la forme que dans le fond.
Père d'un enfant de six mois, il meurt brutalement à Varsovie, lors d'une visite à la famille de sa femme Malgorzata (Margherita) Turewicz, sculptrice.


FONTI:

GB-ME // Scheda in italiano di Gianluigi Bellei, La Sinistra, 25.8.1995. Per altri ricordi vedi Donatello Rossini, La Regione Ticino, 31.10.1995 / "La testa è rotonda", in Cooperazione No 37, 15.9.1994 (intervista a) /




CRONOLOGIA: