Cantiere biografico
degli Anarchici IN Svizzera








ultimo aggiornamento: 11/05/2021 - 09:45

FILTRI:  Solo Donne  Solo di passaggio  Solo collaboratori dall'estero  Solo non anarchici  Solo non identificati  ultime modifiche 
Cantoni:
 AI AR AG BL BS BE FR GE JU GL GR LU NE
 NW OW SG SH SO SZ TI TG UR VS VD ZG ZH
inverti selezione cantoni     vedi sigle

AI Appenzello interno
AR Appenzello esterno
AG Argovia
BL Basilea campagna
BS Basilea città
BE Berna (anche città - capitale)
FR Friborgo (anche città)
GE Ginevra (anche città)
JU Giura
GL Glarona
GR Grigioni
LU Lucerna (anche città)
NE Neuchâtel (anche città)
NW Nidwaldo
OW Obwaldo
SG San Gallo (anche città)
SH Sciaffusa (anche città)
SO Soletta (anche città)
SZ Svitto (anche città)
TI Ticino
TG Turgovia
UR Uri
VS Vallese
VD Vaud
ZG Zugo (anche città)
ZH Zurigo (anche città)
    A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z tutto       Crea un PDF 

AMBROGI Ersilio
Avvocato


Castagneto Carducci (LI), 16.3.1883 da Antonio e Corinna Belli - Campiglia Marittima (LI) 11.4.1964
.

Dapprima membro del Partito socialista, dal 1904 è un fervido antimilitarista. Viene arrestato a Sestri Ponente nelle agitazioni contro la polizia nello sciopero generale e condannato a 11 mesi di detenzione.
Scarcerato si reca in Svizzera nel 1905, nel maggio 1906 è in Francia, poi in Germania dove frequenta gli ambienti sovversivi e libertari internazionali. Rientrato al suo paese natale, riprende i contatti con i libertari locali e nell'ottobre 1911 contribuisce alla nascita del gruppo anarchico Pietro Gori. Si laurea nel 1912 in giurisprudenza a Bologna. A Milano viene arrestato e più volte incarcerato per propaganda disfattista e antimilitarista; ritorna in Toscana alla fine della guerra.
Abbandona l'anarchismo scegliendo la corrente massimalista del Partito socialista. Sindaco a Cecina nel 1920, poi consigliere provinciale ricopre l'incarico di presidente dell'Amministrazione provinciale di Pisa. In seguito, membro del Partito comunista, viene eletto alla Camera dei deputati nel 1921, poi condannato nel 1921 a  una lunga detenzione. Delegato con Gramsci a Mosca nel Komintern, emissario dell'Internazionale comunista. Fuggito dall'URSS nel 1935, poco prima delle purghe staliniste, si rifugia a Bruxelles. Allo scoppio della guerra viene arrestato dai tedeschi ed estradato in Italia dove subisce una condanna al confino, poi inviato in Germania.
Rientrato in Italia alla fine della guerra, viene tenuto a debita distanza dal PCI che nel 1957 lo riammette nelle proprie file.

FONTI: DBAI // « Uno dei fondatori del PCI : La morte del compagno Ersilio Ambrogi », L’Unità, 16 avril 1964 //


CRONOLOGIA: