Cantiere biografico
degli Anarchici IN Svizzera








ultimo aggiornamento: 11/08/2019 - 18:35

FILTRI:  Solo Donne  Solo di passaggio  Solo collaboratori dall'estero  Solo non anarchici  Solo non identificati  ultime modifiche 
Cantoni:
 AI AR AG BL BS BE FR GE JU GL GR LU NE
 NW OW SG SH SO SZ TI TG UR VS VD ZG ZH
inverti selezione cantoni     vedi sigle

AI Appenzello interno
AR Appenzello esterno
AG Argovia
BL Basilea campagna
BS Basilea città
BE Berna (anche città - capitale)
FR Friborgo (anche città)
GE Ginevra (anche città)
JU Giura
GL Glarona
GR Grigioni
LU Lucerna (anche città)
NE Neuchâtel (anche città)
NW Nidwaldo
OW Obwaldo
SG San Gallo (anche città)
SH Sciaffusa (anche città)
SO Soletta (anche città)
SZ Svitto (anche città)
TI Ticino
TG Turgovia
UR Uri
VS Vallese
VD Vaud
ZG Zugo (anche città)
ZH Zurigo (anche città)
    A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z tutto       Crea un PDF 

PEDRUZZI Umberto
Operaio - Muratore

Massa Carrara 4.11.1884 da Giuseppe e Antonia Giovannelli - Bienne /BE 27.5.1931.

Partito per il servizio militare nel luglio 1905 diserta e si rifugia a Biasca /TI, dove aderisce a un gruppo anarchico. Si trasferisce a Zurigo nell'agosto 1906, viene poi arrestato durante uno sciopero dei muratori e condannato a 3 mesi di reclusione   - e per 10 anni espulso dal canton Zurigo -  per “violenza alla libertà del lavoro e ferimento di agenti della forza pubblica”: in  effetti aveva ferito un agente di polizia con un colpo di coltello ai reni.
Espulso nel 1907 da Zurigo, si reca in Francia e nel corso del 1909 entra a far parte del gruppo anarchico italiano Germinal di Marsiglia. Stabilitosi a Parigi, nell'ottobre 1912 viene arrestato all'uscita da una riunione anarchica e condannato a 4 mesi di reclusione per "violenza, resistenza e oltraggio agli agenti". Colpito in seguito da un provvedimento di espulsione, si rifugia nei pressi di Parigi, grazie a falsi documenti, fino al 1915.
Poi rientra in Svizzera, nel 1917 è a Zurigo.

Dall'estate 1920 si stabilisce Massa assieme alla compagna elvetica Berta Mathez.
Segretario della Lega dei muratori di Massa, nel 1921 organizza un gruppo di Arditi del Popolo e partecipa a varie azioni contro i fascisti sulle montagne carraresi. Poi si dà alla latitanza e nel mese di ottobre è rintracciato a Roma. Viene condannato a 3 anni e 8 mesi di reclusione, ma rimesso in libertà nel novembre 1923 grazie ad un'amnistia, si trasferisce a Roma con la Mathez, divenuta nel frattempo sua moglie.

Nel 1926 si stabilisce a Bienne /BE, dove il 27 maggio 1931 uccide con tre colpi di rivoltella la moglie o l 'ex moglie in un hôtel (già separato o divorziato da tempo), togliendosi poi la vita con un colpo.


FONTI:
GB // DBAI // Journal de Genève, 4.6.1907 // L'Express, 28.5.1931 per la morte di Bertha Mathez //


CRONOLOGIA: