Cantiere biografico
degli Anarchici IN Svizzera








ultimo aggiornamento: 11/08/2019 - 18:35

FILTRI:  Solo Donne  Solo di passaggio  Solo collaboratori dall'estero  Solo non anarchici  Solo non identificati  ultime modifiche 
Cantoni:
 AI AR AG BL BS BE FR GE JU GL GR LU NE
 NW OW SG SH SO SZ TI TG UR VS VD ZG ZH
inverti selezione cantoni     vedi sigle

AI Appenzello interno
AR Appenzello esterno
AG Argovia
BL Basilea campagna
BS Basilea città
BE Berna (anche città - capitale)
FR Friborgo (anche città)
GE Ginevra (anche città)
JU Giura
GL Glarona
GR Grigioni
LU Lucerna (anche città)
NE Neuchâtel (anche città)
NW Nidwaldo
OW Obwaldo
SG San Gallo (anche città)
SH Sciaffusa (anche città)
SO Soletta (anche città)
SZ Svitto (anche città)
TI Ticino
TG Turgovia
UR Uri
VS Vallese
VD Vaud
ZG Zugo (anche città)
ZH Zurigo (anche città)
    A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z tutto       Crea un PDF 

PERRONE Vincenzo
Ferroviere, rappresentante di commercio

Salerno 25.1.1899 da Leonardo e Antonietta Padula - Spagna 28.8.1936.

Congedato dall'esercito nel dicembre 1920 si iscrive alle sezioni Combattenti ed ex Arditi di guerra di Salerno. Partecipa ad alcuni scioperi e viene licenziato dalla ferrovie statali. Si trasferisce a Milano nel 1925 e cerca di espatriare clandestinamente, ma viene fermato alla frontiera di Ventimiglia. A Milano frequenta Gino Bibbi e l'ambiente anarchico. Rientrato a Salerno nell'agosto 1926 subisce varie perquisizioni e nel novembre viene arrestato per porto abusivo di coltello e condannato a 15 giorni di reclusione, poi immediatamente inviato per 5 anni al confino di Favignana, Ponza e Lipari.
Liberato a fine febbraio 1932, espatria clandestinamente in Francia nel 1933. Si reca poi in Svizzera, a Ginevra dove conosce Bertoni, e nel marzo 1934 è a Tunisi, dove incontra Damiani e Barresi, ottenendo poi l'autorizzazione di risiedere. Rappresentante di commercio si sposta sovente in Francia. Nell'agosto 1936 parte per Parigi, per poi arruolarsi in Spagna come miliziano nella Sezione italiana della Colonna Ascaso.
Muore in combattimento a Monte Pelato.


FONTI: DBAI


CRONOLOGIA: