Cantiere biografico
degli Anarchici IN Svizzera








ultimo aggiornamento: 19/08/2022 - 17:35

FILTRI:  Solo Donne  Solo di passaggio  Solo collaboratori dall'estero  Solo non anarchici  Solo non identificati  ultime modifiche 
Cantoni:
 AI AR AG BL BS BE FR GE JU GL GR LU NE
 NW OW SG SH SO SZ TI TG UR VS VD ZG ZH
inverti selezione cantoni     vedi sigle

AI Appenzello interno
AR Appenzello esterno
AG Argovia
BL Basilea campagna
BS Basilea città
BE Berna (anche città - capitale)
FR Friborgo (anche città)
GE Ginevra (anche città)
JU Giura
GL Glarona
GR Grigioni
LU Lucerna (anche città)
NE Neuchâtel (anche città)
NW Nidwaldo
OW Obwaldo
SG San Gallo (anche città)
SH Sciaffusa (anche città)
SO Soletta (anche città)
SZ Svitto (anche città)
TI Ticino
TG Turgovia
UR Uri
VS Vallese
VD Vaud
ZG Zugo (anche città)
ZH Zurigo (anche città)
    A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z tutto       Crea un PDF 

SCHICCHI Paolo



Collesano (PA) 31.8.1865 da Simone e Michelangela Dispensa - Palermo 11.12.1950
.

Nel 1889 si reca a Parigi, dopo aver disertato l'esercito, incontrando Cipriani, Galleani, Francesco Saverio Merlino, ecc., poi si rifugia a GInevra, dove risulta dal 1.07.1891. Qui, pubblica 2 numeri di Pensiero e dinamite (18.7.1891-28.7.1891) e 2 numeri e 2 supplementi (un terzo è sequestrato in bozze) de La Croce di Savoia (8.8.1891-25.8.1891), violentissimi contro Casa Savoia e contri i “pontefici” dell'anarchismo (Malatesta, Merlino, Cipriani e Gori) che ritiene responsabili della mancata insurrezione del maggio e della debolezza del movimento anarchico davanti alla repressione. Le sue posizioni provocano in Italia la nascita di due schieramenti, dei “primomaggisti” e degli “antiprimomaggisti”, i quali ultimi contestano con successo il tentativo di rifondare il partito anarchico nato a Capolago. Il suo linguaggio colorito e intemperante, seppur infarcito di citazioni letterarie, scatena dure reazioni nei suoi confronti e le accuse di “personalità” e di “provocazione” che egli rintuzza raddoppiando gli attacchi e specificando che “tutto ciò che riguarda più o meno davvicino la lotta che si combatte, ogni rapporto dell'individuo coi principi che professa, esce dal campo delle personalità ed entra in quello delle idee”. La legazione italiana a Berna segnala la pubblicazione (in part. l'antimilitarismo) alle autorità, richiedendo l'interdizione del titolo e l'espulsione del redattore. L'ultimo numero di La Croce di Savoia viene sequestrato in tipografia e Schicchi espulso dalla Svizzera l'11 settembre 1891 per aver “abusato di questo soggiorno in Svizzera per eccitare con la stampa, al rovesciamento violento dell'ordine stabilito, preconizzando l'assassinio, l'incendio, il saccheggio e il furto".

 “Perché la rivoluzione sociale trionfi completamente, bisogna distruggere per intero questa razza di assassini, che chiamasi borghesia... Scanneremo quello che troveremo con le armi in mano, butteremo giù dai balconi o faremo affogare nel mare i vecchi, le donne e i bambini, tanto per non insudiciarsi le mani nel loro sangue appestato” (da Pensiero e Dinamite, 18.7.1891).

Parte da Ginevra il 12 settembre (sospettato, proprio il 12 di aver tentato di uccidere con un colpo di pistola l'ispettore di polizia ginevrino) via Annemasse, Marsiglia, e riprende la polemica a Barcellona pubblicando un giornale trilingue italiano, francese, spagnolo El porvenir anarquista. Condannato in Italia nel 1893 a 11 anni di carcere, processato nel 1923, condannato nel 1931 dal tribunale fascista, liberato dal confino nel 1937, riprende l'attività dopo la Liberazione.


FONTI:
GB // DBAI // Decreto di espulsione del Consiglio federale dell11.9.1891 // Journal de Genève 7.10.1892 per i sospetti di aver cercato di uccidere l'ispettore ginevrino //



CRONOLOGIA: