Cantiere biografico
degli Anarchici IN Svizzera








ultimo aggiornamento: 19/08/2022 - 17:35

FILTRI:  Solo Donne  Solo di passaggio  Solo collaboratori dall'estero  Solo non anarchici  Solo non identificati  ultime modifiche 
Cantoni:
 AI AR AG BL BS BE FR GE JU GL GR LU NE
 NW OW SG SH SO SZ TI TG UR VS VD ZG ZH
inverti selezione cantoni     vedi sigle

AI Appenzello interno
AR Appenzello esterno
AG Argovia
BL Basilea campagna
BS Basilea città
BE Berna (anche città - capitale)
FR Friborgo (anche città)
GE Ginevra (anche città)
JU Giura
GL Glarona
GR Grigioni
LU Lucerna (anche città)
NE Neuchâtel (anche città)
NW Nidwaldo
OW Obwaldo
SG San Gallo (anche città)
SH Sciaffusa (anche città)
SO Soletta (anche città)
SZ Svitto (anche città)
TI Ticino
TG Turgovia
UR Uri
VS Vallese
VD Vaud
ZG Zugo (anche città)
ZH Zurigo (anche città)
    A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z tutto       Crea un PDF 

SOFRÀ Luigi

Galatro (RC) 15.11.1907 da Michele e Rosa Manno - 1994

Nel 1923 emigra clandestinamente in Francia, avvicinandosi agli ambienti anarchici e sindacali, poi a causa di una rissa tra operai, si rifugia in Lussemburgo nel 1927, poi in Belgio dove è espulso. Ritorna in Francia, a Tolone, poi condannato a 4 mesi per documenti falsi. A Parigi nel 1931 viene arrestato con Tommaso Serra ed estradato verso il Belgio. Condannato a 3 anni di carcere è poi espulso dalla Spagna nel marzo 1933.

Ripara in Svizzera a Basilea BS e a Ginevra GE, nel settembre 1934 è a Strasburgo. Intanto le autorità elvetiche lo segnalano all'Ambasciata italiana e questa, a sua volta, alla polizia politica italiana, che dirama l'ordine di arresto.  Estradato dal Belgio nell'agosto 1935 viene condannato a Basilea a 2 anni di detenzione per ripetuti furti (complici: Mantovani Angelo, Panizzi Antonio, Giuseppe Vecchi, Romeo Bassani, Gino Napucci) poi espulso l'8.10.1937. Rientra incautamente in Svizzera, ma subito arrestato nel novembre 1937 e detenuto per 2 mesi, poi estradato in Italia e condannato a 5 anni al confino nell'isola di Ponza, Ventotene, Tremiti.

Liberato nel 1943, da Roma raggiunge la Calabria, ritorna a Galattro diventando segretario della Camera del lavoro, e riallaccia i contatti con Enzo Misefari. Nel 1947 ritorna in Lussemburgo lavorando come operaio edile e rientra nel 1957 in Italia, a San Remo, gravemente ammalato. Poi vive a Imperia.


FONTI:

GB / DBAI /  Gazette de Lausanne, 21.8.1935 / Risveglio 10.9.1932 quando S. era in prigione a Barcellona /




CRONOLOGIA: