Cantiere biografico
degli Anarchici IN Svizzera








ultimo aggiornamento: 10/08/2022 - 18:34

FILTRI:  Solo Donne  Solo di passaggio  Solo collaboratori dall'estero  Solo non anarchici  Solo non identificati  ultime modifiche 
Cantoni:
 AI AR AG BL BS BE FR GE JU GL GR LU NE
 NW OW SG SH SO SZ TI TG UR VS VD ZG ZH
inverti selezione cantoni     vedi sigle

AI Appenzello interno
AR Appenzello esterno
AG Argovia
BL Basilea campagna
BS Basilea città
BE Berna (anche città - capitale)
FR Friborgo (anche città)
GE Ginevra (anche città)
JU Giura
GL Glarona
GR Grigioni
LU Lucerna (anche città)
NE Neuchâtel (anche città)
NW Nidwaldo
OW Obwaldo
SG San Gallo (anche città)
SH Sciaffusa (anche città)
SO Soletta (anche città)
SZ Svitto (anche città)
TI Ticino
TG Turgovia
UR Uri
VS Vallese
VD Vaud
ZG Zugo (anche città)
ZH Zurigo (anche città)
    A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z tutto       Crea un PDF 

TANINI Alighiero
Giornalista

Mercedes (Paraguay) 10.3.1889 da Giulio e Adele Burgetti - Torino 9.11.1923

Giunto in Italia, aderisce al movimento anarchico nel 1906. Nel 1911 collabora, da Genova e da Losanna /VD, a Il Libertario, al quale invia nel 1912 alcuni articoli su Ettor e Giovannitti e su Burtzeff. L'anno seguente intensifica, da Losanna /VD, la sua collaborazione al giornale di Binazzi, che spesso pubblica in prima pagina i suoi “pezzi”, come accade con La follia collettiva (30.1.1913) in cui T. simpatizza per il “militarismo borghese balcanico” “portavoce cosciente, diremmo quasi barbaramente rivoluzionario di interessi umani non trascurabili, anzi addirittura impellenti”; "La politica dell'Italia nell'attuale momento storico" (febbraio 1913) dove giudica la politica estera di Giolitti reazionaria e austriacante, nonché subdola e traditrice.; "Abbasso la ghigliottina" del 13.2.1913 nel quale leva la protesta in nome dell'umanità, contro le condanne a morte, che la Francia sta per infliggere a Raymond Callemin e ad altri membri della banda Bonnot, pur prendendo le distanze dal gruppo di banditi sedicenti anarchici "che hanno scelto di definirsi tali per coprire i loro crimini sotto la bandiera bella e purissima di un ideale filosofico e umanitario che conta a legione i martiri e gli eroi, che conta nel suo seno scienziati e dotti universalmente ammirati per le loro operere benefiche e sublimi in pro dell'umanità sofferente..."
Nel 1914 abita a Genova insieme ad un'esule russa la “nota terrorista e propagandista” Eugenia Adassonsky, sedicente Tomanoff, giunta con lui da Losanna /VD...


FONTI: DBAI


CRONOLOGIA: