Cantiere biografico
degli Anarchici IN Svizzera








ultimo aggiornamento: 01/08/2022 - 19:26

FILTRI:  Solo Donne  Solo di passaggio  Solo collaboratori dall'estero  Solo non anarchici  Solo non identificati  ultime modifiche 
Cantoni:
 AI AR AG BL BS BE FR GE JU GL GR LU NE
 NW OW SG SH SO SZ TI TG UR VS VD ZG ZH
inverti selezione cantoni     vedi sigle

AI Appenzello interno
AR Appenzello esterno
AG Argovia
BL Basilea campagna
BS Basilea città
BE Berna (anche città - capitale)
FR Friborgo (anche città)
GE Ginevra (anche città)
JU Giura
GL Glarona
GR Grigioni
LU Lucerna (anche città)
NE Neuchâtel (anche città)
NW Nidwaldo
OW Obwaldo
SG San Gallo (anche città)
SH Sciaffusa (anche città)
SO Soletta (anche città)
SZ Svitto (anche città)
TI Ticino
TG Turgovia
UR Uri
VS Vallese
VD Vaud
ZG Zugo (anche città)
ZH Zurigo (anche città)
    A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z tutto       Crea un PDF 

TOMMASINI Umberto
Fabbro

Trieste 9.3.1896 da Angelo e Bernardina Tommasini - Vivaro (PN) 22.8.1980

Nel 1920 aderisce al movimento anarchico, nel 1925 partecipa al Convegno della UAI a Milano. Nel 1926 viene confinato a Ustica e Ponza per 5 anni.
Ritorna a Trieste e nel gennaio 1932, espatria clandestinamente. Attraverso l'Austria giunge a Zurigo, presso la famiglia Zanolli, venendo poi a conoscenza che la madre di Pia è diventata fascista. Si reca immediatamente a Ginevra da Luigi Bertoni e da Carlo Frigerio del Comitato Pro Vittime politiche che gli comunicano le difficoltà economiche/politiche di poter rimanere in Svizzera. Lo aiutano affinché possa stabilirsi a Parigi.
Si reca in Spagna, arruolandosi come miliziano nella Sezione italiana della Colonna Ascaso.

FONTI: DBAI / Claudio Venza, "Umberto Tommasini. L'anarchico triestino", Antistato, Milano 1984 /


CRONOLOGIA: