Cantiere biografico
degli Anarchici IN Svizzera








ultimo aggiornamento: 14/08/2022 - 16:16

FILTRI:  Solo Donne  Solo di passaggio  Solo collaboratori dall'estero  Solo non anarchici  Solo non identificati  ultime modifiche 
Cantoni:
 AI AR AG BL BS BE FR GE JU GL GR LU NE
 NW OW SG SH SO SZ TI TG UR VS VD ZG ZH
inverti selezione cantoni     vedi sigle

AI Appenzello interno
AR Appenzello esterno
AG Argovia
BL Basilea campagna
BS Basilea città
BE Berna (anche città - capitale)
FR Friborgo (anche città)
GE Ginevra (anche città)
JU Giura
GL Glarona
GR Grigioni
LU Lucerna (anche città)
NE Neuchâtel (anche città)
NW Nidwaldo
OW Obwaldo
SG San Gallo (anche città)
SH Sciaffusa (anche città)
SO Soletta (anche città)
SZ Svitto (anche città)
TI Ticino
TG Turgovia
UR Uri
VS Vallese
VD Vaud
ZG Zugo (anche città)
ZH Zurigo (anche città)
    A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z tutto       Crea un PDF 

TOSCA Giuseppe

Muratore



Borgonovo Val Tidone (PC) 22.3.1886 da Emilio e Ermelinda Betta – (prob a Savigny-sur-Orge - Francia) settembre 1946.

Emigrato giovanissimo in Svizzera, durante la prima guerra è dichiarato disertore in quanto continua a risiedere e lavorare in Svizzera (Berna, forse anche a Zurigo).
Coinvolto nel 1918 per l’affare delle bombe di Zurigo, rimane per alcuni mesi in detenzione preventiva (l'accusa viene tolta nel marzo 1919, prima del processo), poi per alcune settimane è ricoverato in una casa di convalescenza a Mendrisio TI [forse l'Ospedale neuropsichiatrico??] ed infine espulso nel 1919. "Era stato così maltrattato dal famigerato Heusser [procuratore federale] da averne scossa la mente per un certo tempo" (Risv. ottobre 1946).
In effetti, incontrandolo a Milano, Malatesta in una lettera a Bertoni, comunica che "soffre di disturbi mentali"... sostiene di essere stato sottoposto a uno "strumento elettrico che gli applicarono al capo nelle prigioni" (lettera di Malatesta a Bertoni del  1920 a cui chiede il suo avviso).

Segretario della Lega dei muratori di Borgonovo, in corrispondenza con Malatesta, sostenendo a più riprese, anche con contributi volontari, la rivista Pensiero e Volontà.

Emigra in Francia nel 1926 a Savigny-sur-Orge dove convive con Bianca, nipote di Felice Vezzani. In questi anni contatta Giuseppe Peretti di Bellinzona /TI affinché questi possa recarsi al suo villaggio di Borgonovo presso la sorella [senza scrivere i motivi]. Diffusore del Risveglio di Ginevra.
Direttore della Cooperativa edile di Sartrouville fondata da esuli italiani, risulta aderente alla LIDU. Nel 1933 partecipa alla costituzione della Federazione anarchica dei profughi italiani e l'anno dopo entra nel comitato di amministrazione del periodico della federazione, Lotte sociali (1933-1935). Nel 1936 collabora al Comité Espagne Libre. Nell'ottobre 1940 è inserito nelle liste di anarchici italiani residenti in Francia che la polizia italiana passa a quella tedesca, perché siano arrestati ma, a differenza di altri, riesce a sfuggire alle ricerche.
Nel 1946 ritorna provvisoriamente a Borgonovo val Tidone, probabilmente in visita ai parenti, poi rientra a Savigny, "dove s'era costruito da anni una casetta", sempre attivo nel movimento.

"Un tempo individualista, è poi diventato amicissimo di Gagliardi [Antonio] e quindi anche di me" (Lettera di Bertoni a Fabbri, 1927).


FONTI:

GB / DBAI / Lettera s.d. di Giuseppe Tosca (a firma Pino) a Giuseppe Peretti, CCV Locarno / Lettera di Malatesta a Luigi Bertoni del 22.4.1920 - IISG / Lettera di Bertoni a Fabbri, 1927 - IISG / Decreto d'accusa del 5.3.1919 - affare delle bombe di Zurigo / Risv. ottobre 1946, No 144 per la morte /




CRONOLOGIA: