Cantiere biografico
degli Anarchici IN Svizzera








ultimo aggiornamento: 01/08/2022 - 19:26

FILTRI:  Solo Donne  Solo di passaggio  Solo collaboratori dall'estero  Solo non anarchici  Solo non identificati  ultime modifiche 
Cantoni:
 AI AR AG BL BS BE FR GE JU GL GR LU NE
 NW OW SG SH SO SZ TI TG UR VS VD ZG ZH
inverti selezione cantoni     vedi sigle

AI Appenzello interno
AR Appenzello esterno
AG Argovia
BL Basilea campagna
BS Basilea città
BE Berna (anche città - capitale)
FR Friborgo (anche città)
GE Ginevra (anche città)
JU Giura
GL Glarona
GR Grigioni
LU Lucerna (anche città)
NE Neuchâtel (anche città)
NW Nidwaldo
OW Obwaldo
SG San Gallo (anche città)
SH Sciaffusa (anche città)
SO Soletta (anche città)
SZ Svitto (anche città)
TI Ticino
TG Turgovia
UR Uri
VS Vallese
VD Vaud
ZG Zugo (anche città)
ZH Zurigo (anche città)
    A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z tutto       Crea un PDF 

VEDOVA Comunardo

Tipografo



Fabriano (AN) 3.9.1891 da Giuseppe e Franca Annita - Bologna 23.6.1922.

Prende parte al Convegno regionale libertario di Ancona nel gennaio 1910, corrispondente de L'Alleanza libertaria e di Lo Sprone. Nel 1911 si trasferisce a Bologna, come dipendente della tipografia Zavattero. Dal capoluogo emiliano invia corrispondenze a Germinal, prima di essere condannato per istigazione a delinquere e apologia di reato a mezzo stampa. Infatti viene processato a Bologna accanto a Ugo e Pietro Dainesi per un art. su L'Agitatore nel nov. 1912.

Espatria quindi in Svizzera nel maggio 1912 (???), soggiornando a Lugano TI, poi a Losanna VD, dove continua a svolgere attività politica. Il 14 agosto 1913, nella Casa del popolo di Losanna VD, presenta un ordine del giorno al comizio promosso dal Gruppo anarchico italiano e dalla FUOSR in solidarietà con gli scioperanti di Milano. Il 30 marzo 1913 L'Agitatore ospita una sua lettera aperta indirizzata a Maria Rygier, in cui prende posizione nella nota polemica tra questa e Zavattero, che V. ritiene colpevole di avere rinunciato all'azione diretta rivoluzionaria.

Rientra a Fabriano nell'agosto 1914 e qualche mese più tardi, in qualità di direttore della locale Tipografia economica, viene denunciato per pubblicazione di manifesti sovversivi. All'inizio del 1915 è a Bologna.
Arruolato dopo la rotta di Caporetto, si ammala nel 1918 e si toglie la vita a Bologna.

[GB: un certo Vedova, tipografo, anarchico, arrestato in Svizzera e poco dopo scarcerato (Gazzetta tic. 22.10.1918)]
 


FONTI:

GB / DBAI / La Voix du Peuple, Losanna, 10.2.1912 / Risv. 23.11.1912 /




CRONOLOGIA: