Cantiere biografico
degli Anarchici IN Svizzera








ultimo aggiornamento: 14/08/2022 - 16:16

FILTRI:  Solo Donne  Solo di passaggio  Solo collaboratori dall'estero  Solo non anarchici  Solo non identificati  ultime modifiche 
Cantoni:
 AI AR AG BL BS BE FR GE JU GL GR LU NE
 NW OW SG SH SO SZ TI TG UR VS VD ZG ZH
inverti selezione cantoni     vedi sigle

AI Appenzello interno
AR Appenzello esterno
AG Argovia
BL Basilea campagna
BS Basilea città
BE Berna (anche città - capitale)
FR Friborgo (anche città)
GE Ginevra (anche città)
JU Giura
GL Glarona
GR Grigioni
LU Lucerna (anche città)
NE Neuchâtel (anche città)
NW Nidwaldo
OW Obwaldo
SG San Gallo (anche città)
SH Sciaffusa (anche città)
SO Soletta (anche città)
SZ Svitto (anche città)
TI Ticino
TG Turgovia
UR Uri
VS Vallese
VD Vaud
ZG Zugo (anche città)
ZH Zurigo (anche città)
    A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z tutto       Crea un PDF 

VELLA Attilio

Commesso viaggiatore in cornici per quadri, arredatore, vetrinista, cartellonista, pittore artista



Gibellina (TP) 17.7.1901 da Giuseppe e Concetta Pedalino - Milano 17.11.1973

Pur dimorando quasi sempre a Milano, raggiunge spesso i familiari in Svizzera e vi si stabilisce alla fine degli anni Venti a GInevra e in Ticino. Il 4.1.1930 essendo in relazione con Berneri, viene chiesta dalla questura l'iscrizione nella “Rubrica di frontiera”... con invito all'arresto come “anarchico da impedire espatrio”.
Sul foglio stalinista ticinese Falce e martello del 28.8.1930, viene definito come i suoi fratelli “spie fasciste”, ma il 6 settembre il Console generale a Lugano riferisce che “si stenta a credere che illazioni del giornale comunista corrispondono esattamente alla realtà”. L'illazione deriva da una presunta lettera inviata da un compagno di Milano a Luigi Bertoni (mai pubblicata sul Risveglio anarchico, ma intercettata dal giornale comunista) dove si afferma che 15 persone perseguitate non possono vivere così bene in Svizzera, nel lusso e usando il loro giornale Vogliamo (Biasca, Lugano /TI, 1929-1931) per “dare fumo negli occhi”. Queste, per il giornale comunista sono delle prove. Dalle carte di polizia risulta che la lettera è di Eugenio Macchi, il quale però smentisce la paternità (Adunata dei refrattari 27.9.30), notizia poi ripresa da Libera stampa di Lugano. I Vella porteranno denuncia in tribunale, tanto che il foglio comunista dovrà poi scusarsi (vedi a questo proposito anche VELLA  Randolfo).
Successivamente ritorna a Milano, dove per vivere vende quadri fino alla fine degli anni Trenta. Nel Secondo dopoguerra  è presente in diverse mostre di arte figurativa.


FONTI:

GB / DBAI




CRONOLOGIA: