Cantiere biografico
degli Anarchici IN Svizzera








ultimo aggiornamento: 10/08/2022 - 18:34

FILTRI:  Solo Donne  Solo di passaggio  Solo collaboratori dall'estero  Solo non anarchici  Solo non identificati  ultime modifiche 
Cantoni:
 AI AR AG BL BS BE FR GE JU GL GR LU NE
 NW OW SG SH SO SZ TI TG UR VS VD ZG ZH
inverti selezione cantoni     vedi sigle

AI Appenzello interno
AR Appenzello esterno
AG Argovia
BL Basilea campagna
BS Basilea città
BE Berna (anche città - capitale)
FR Friborgo (anche città)
GE Ginevra (anche città)
JU Giura
GL Glarona
GR Grigioni
LU Lucerna (anche città)
NE Neuchâtel (anche città)
NW Nidwaldo
OW Obwaldo
SG San Gallo (anche città)
SH Sciaffusa (anche città)
SO Soletta (anche città)
SZ Svitto (anche città)
TI Ticino
TG Turgovia
UR Uri
VS Vallese
VD Vaud
ZG Zugo (anche città)
ZH Zurigo (anche città)
    A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z tutto       Crea un PDF 

WEIL Lucien

Giornalista, rappresentante di commercio



Cittadino francese, nato nel 1865 in Belgio -

Nel 1890 gerente di Père Peinard.
Si reca in Svizzera, a Ginevra /GE,  e viene espulso con decreto federale del 15.12.1890 insieme con il connazionale Paul Bernard, gli italiani Galleani, Pietraroja, Rovigo e il bulgaro  (o rumeno) P. Stojanow (VEDI) per una manifesto anarchico in tre lingue. (Caricato su un treno con Bernard destinazione Belgio in partenza da Ginevra il 18.12.1890).
Si rifugia a Londra e ritorna a Parigi nel maggio 1893, membro del gruppo "La Sentinelle de Montmartre" (con Faure, Tennevin). Poi nuovamente a Londra già da novembre 1893 e ritorno a Parigi nel 1899, lavorando al Journal du Peuple.

 


FONTI:

GB /Decreto di espulsione del 15.12.1890 / Gazette de Lausanne, 18.12.1890/




CRONOLOGIA: