Cantiere biografico
degli Anarchici IN Svizzera








ultimo aggiornamento: 10/08/2022 - 18:34

FILTRI:  Solo Donne  Solo di passaggio  Solo collaboratori dall'estero  Solo non anarchici  Solo non identificati  ultime modifiche 
Cantoni:
 AI AR AG BL BS BE FR GE JU GL GR LU NE
 NW OW SG SH SO SZ TI TG UR VS VD ZG ZH
inverti selezione cantoni     vedi sigle

AI Appenzello interno
AR Appenzello esterno
AG Argovia
BL Basilea campagna
BS Basilea città
BE Berna (anche città - capitale)
FR Friborgo (anche città)
GE Ginevra (anche città)
JU Giura
GL Glarona
GR Grigioni
LU Lucerna (anche città)
NE Neuchâtel (anche città)
NW Nidwaldo
OW Obwaldo
SG San Gallo (anche città)
SH Sciaffusa (anche città)
SO Soletta (anche città)
SZ Svitto (anche città)
TI Ticino
TG Turgovia
UR Uri
VS Vallese
VD Vaud
ZG Zugo (anche città)
ZH Zurigo (anche città)
    A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z tutto       Crea un PDF 

VEZZANA [BASSANA] Nelusco

Incisore orafo



Graveur




   In Francia con la moglie, rientrato dalla Spagna (ca 1938)

Vicenza, 10.09.1898 da Vasco e Lucia Gasperini - Torino, il ???
(Per il padre Vasco, anarchico, vedi DBAI 672-73 - http://www.bfscollezionidigitali.org/entita/14878-vezzana-vasco/ )

"Professante per naturale tendenza idee anarchiche, al più ampio sviluppo di queste ebbe propizio l'ambiente famigliare... Ancora adolescente si fece notare come assiduo adolescente del Circolo libertario di Vicenza e lettore appassionato delle pubblicazioni anarchiche".

Condannato in Italia nel 1917 a 15 anni di detenzione militare per rifiuto di servizio, si rifugia in Svizzera, a Ginevra GE entrando in contatto con gli anarchici del Risveglio.

Probabilmente "invitato" a lasciare la Svizzera dopo l'amnistia italiana, nel dicembre 1920 viene segnalato come aver lasciato Ginevra per recarsi in Francia e il consolato italiano lo segnalava ai prefetti come un "ardente propagandista" e un "anarchico pericoloso". Poi ricercato invano dall'OVRA nella Marne...

In seguito risulta come miliziano in Spagna, dapprima assegnato al servizio sanitario delle Brigate internazionali a Albacete, poi inquadrato nella Garibaldi. Partecipa alla battaglia dell'Ebro nelle file della 139a Brigata. In alcuni fonti è identificato come Bassana Nelusco, in cui si afferma che Bassana in data 12.9.37 è sergente del secondo battaglione della Brigata Garibaldi.
Poi rientra in Francia.

Ritorna in Italia nel 1947, e si stabilisce a Torino, mentre la famiglia rimane in Francia.

[del padre Vasco: muore nel 1959. Secondo la nipote Olga Vezzana nel 1941 il nonno viveva in famiglia, a Porta Santa Lucia - notizie pure di Vasco in Emilio Franzina: "La classe, gli uomini ed i partiti, storia del mov. operaio e socialista in una provincia bianca: il Vicentino (1873-1948)", odeon libri editrice].


  
Vicenza, 10.09.1898 -

Fils d'un anarchiste influent dans le milieu en Italie, il assiste à Genève aux réunions de groupe Le Réveil. Il a été condamné, en 1917, à 15 ans de détention militaire pour refus de service.

En décembre 1920 Vetisco Vezzana était signalé comme ayant quitté Genève pour se rendre en France où le consulat d’Italie le signalait aux Préfets comme un « ardent propagandiste » et un « anarchiste dangereux » Il était recherché en vain dans la Marne...


FONTI:

GB / ME / Service de la police administrative et judiciaire - Genève - 1919-1921 / [casell.pol.centr. Roma, biografato dal 1919 al 41 -non visionato] / DIMA / antifascistispagna.it / info + foto sullo zio Nelusco (e info sul nonno Vasco) della nipote, Olga Vezzana - gennaio-marzo 2020 /

 




CRONOLOGIA: