Cantiere biografico
degli Anarchici IN Svizzera








ultimo aggiornamento: 11/05/2021 - 09:45

FILTRI:  Solo Donne  Solo di passaggio  Solo collaboratori dall'estero  Solo non anarchici  Solo non identificati  ultime modifiche 
Cantoni:
 AI AR AG BL BS BE FR GE JU GL GR LU NE
 NW OW SG SH SO SZ TI TG UR VS VD ZG ZH
inverti selezione cantoni     vedi sigle

AI Appenzello interno
AR Appenzello esterno
AG Argovia
BL Basilea campagna
BS Basilea città
BE Berna (anche città - capitale)
FR Friborgo (anche città)
GE Ginevra (anche città)
JU Giura
GL Glarona
GR Grigioni
LU Lucerna (anche città)
NE Neuchâtel (anche città)
NW Nidwaldo
OW Obwaldo
SG San Gallo (anche città)
SH Sciaffusa (anche città)
SO Soletta (anche città)
SZ Svitto (anche città)
TI Ticino
TG Turgovia
UR Uri
VS Vallese
VD Vaud
ZG Zugo (anche città)
ZH Zurigo (anche città)
    A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z tutto       Crea un PDF 

ANGELI Edoardo (Poupon / Dino)
Mietitore, muratore, metallurgico

Mercato Saraceno (Forlì), 29.9.1903 da Francesco e Giacoma Mazzotti - Bologna 30.10.1985.

Milita nel movimento libertario dal 1917. Emigra con la famiglia nel 1923 lavorando in Svizzera, poi in Francia nel 1924 presso la Peugeot di Montbéliard, dove viene segnalato nel 1925 come attivo antifascista. Nel 1926 si reca a Parigi.
Dopo un breve soggiorno a Basilea nel 1932, si trasferisce a Marsiglia dove dei compagni italiani avevano costituito una cooperativa edile. Milita nel gruppo comunista-anarchico della Fédération anarchiste del Sud-est. Effettua diversi viaggi in Belgio dove conoscerà la sua compagna Armida Marchetini. Nel 1935 fa parte del Comitato antifascista marsigliese contro la guerra d'Etiopia.
Miliziano in Spagna dall'ottobre 1936, rientra in Francia dopo i fatti sanguinosi di Barcellona del maggio 1937. Poco dopo è operaio in un cementificio con succursale in Algeria, trasferendosi a Oran; partecipa ad una rete d'evasione di rifugiati spagnoli in Algeria: attività che gli comporterà un internamento in un campo nel 1940. Scarcerato partecipa alle attività del gruppo Libre examen nel quale partecipano pure Jean Ferri, José Giner e Fernando Matteo e che pubblica nel 1944-1945 un bollettino trilingue (francese, italiano, spagnolo) titolato Libre examen, i cui 5 o 6 numeri appaiono a Oran.
Al momento dell'indipendenza dell'Algeria nel 1962, con Armida Marchetini rientra in Francia, partecipando con la stessa alle attività del CIRA di Marsiglia.
Muore all'ospedale di Sant'Orsola di Bologna.

FONTI:
DBAI


CRONOLOGIA: