Cantiere biografico
degli Anarchici IN Svizzera








ultimo aggiornamento: 10/08/2022 - 18:34

FILTRI:  Solo Donne  Solo di passaggio  Solo collaboratori dall'estero  Solo non anarchici  Solo non identificati  ultime modifiche 
Cantoni:
 AI AR AG BL BS BE FR GE JU GL GR LU NE
 NW OW SG SH SO SZ TI TG UR VS VD ZG ZH
inverti selezione cantoni     vedi sigle

AI Appenzello interno
AR Appenzello esterno
AG Argovia
BL Basilea campagna
BS Basilea città
BE Berna (anche città - capitale)
FR Friborgo (anche città)
GE Ginevra (anche città)
JU Giura
GL Glarona
GR Grigioni
LU Lucerna (anche città)
NE Neuchâtel (anche città)
NW Nidwaldo
OW Obwaldo
SG San Gallo (anche città)
SH Sciaffusa (anche città)
SO Soletta (anche città)
SZ Svitto (anche città)
TI Ticino
TG Turgovia
UR Uri
VS Vallese
VD Vaud
ZG Zugo (anche città)
ZH Zurigo (anche città)
    A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z tutto       Crea un PDF 

D'ANGINA Arduilio (detto Dullio o Duilio)

Fonditore




San Giuliano Terme (PI) 26.1.1890 da Viriglio e Cesira Sbrana - Si ignorano luogo e data di morte

Espatria in Francia nel 1910 per sottrarsi alla chiamata delle armi. Arrestato a Tolone nel 1912 per propaganda anarchica viene accompagnato al confine svizzero.

Risulta a BIenne BE nel 1912. Stabilitosi a Ginevra GE, diventa un assiduo frequentatore della Maison du Peuple, proseguendo la sua intensa opera di propagandista ed agitatore anarchico. Nel 1914 si trasferisce a Berna BE, ma pochi giorni dopo è espulso dal Cantone per mancato deposito del passaporto.

Rientrato in Italia viene denunciato al Tribunale militare per renitenza. Assolto dall'imputazione, partecipa alla guerra.
A Torino viene nominato capo guardia dell'associazione consigliarista Guardie Rosse. Dopo l'ascesa del fascismo raccoglie fondi pro vittime politiche, stampa antifascista clandestina, espatri clandestini. Nel 1931 è condannato a 3 anni di confino alla colonia di Ponza. A poche settimane del suo arrivo sull'isola è nuovamente arrestato per aver aderito alla protesta dei confinati e viene condannato a 4 mesi di detenzione. Liberato da Ponza, inviato a Torino con foglio di via obbligatorio. Durante la Resistenza è partigiano nella 63 BRT "Bolero" Garibaldi che opera a Sala Bolognese.

-- Il figlio Giovanni, "Ateo", nato 1.8.1913 a Bienne/BE, risulta poi residente nel 1943 a Bologna. Anarchico, è operaio fresatore, attivo a Sala Bolognese nella 63a brg Bolero Garibaldi. Riconosciuto patriota dal 28.1.1944 alla Liberazione (Nota di T. Marabini tratto dal dizionario biografico "Gli antifascisti, i partigiani del fascismo nel bolognese", in rete).


FONTI:

GB-ME / DBAI // Service de la police administrative... - Ginevra 1911-1915) /  T. Marabini, cit / Verzeichnis von Anarchisten... agosto 1912 - E21/14565 - info di W. Portmann /




CRONOLOGIA: