Cantiere biografico
degli Anarchici IN Svizzera








ultimo aggiornamento: 20/09/2020 - 21:03

FILTRI:  Solo Donne  Solo di passaggio  Solo collaboratori dall'estero  Solo non anarchici  Solo non identificati  ultime modifiche 
Cantoni:
 AI AR AG BL BS BE FR GE JU GL GR LU NE
 NW OW SG SH SO SZ TI TG UR VS VD ZG ZH
inverti selezione cantoni     vedi sigle

AI Appenzello interno
AR Appenzello esterno
AG Argovia
BL Basilea campagna
BS Basilea città
BE Berna (anche città - capitale)
FR Friborgo (anche città)
GE Ginevra (anche città)
JU Giura
GL Glarona
GR Grigioni
LU Lucerna (anche città)
NE Neuchâtel (anche città)
NW Nidwaldo
OW Obwaldo
SG San Gallo (anche città)
SH Sciaffusa (anche città)
SO Soletta (anche città)
SZ Svitto (anche città)
TI Ticino
TG Turgovia
UR Uri
VS Vallese
VD Vaud
ZG Zugo (anche città)
ZH Zurigo (anche città)
    A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z tutto       Crea un PDF 

BARBIERI Francesco (Ciccio - Chico)

Agrimensore






Briatico (Italia -Catanzaro) 14.12.1895 da Giovanni e Domenica Arena – Barcellona 5.05.1937.

 

Dopo aver frequentato la Scuola di agricoltura, emigra in Argentina a Buenos Aires militando con Severino Di Giovanni. Con la cattura di questi, riesce a fuggire in Brasile ma scoperto è deportato in Italia. Alcuni mesi di carcere, poi evade dal domicilio coatto e fugge in Francia. Arrestato a Tolone è condannato a 8 mesi.

Espulso ripara in Svizzera: effettivamente nell'ottobre 1932 risulta a Ginevra, in contatto con Randolfo Vella*, Luigi Bertoni*, Domenico Ludovici*, poi nuovamente in Francia. Rientra ancora a Ginevra con Fosca Corsinovi*, ospitato inizialmente da Joseph Alberto*, militante del Gruppo del Risveglio. Svolge lavori saltuari, lavora a volte alla mensa con F.Corsinovi, grazie a Bertoni ottiene un permesso di soggiorno provvisorio, conosce il socialista André Oltramare*, che lo aiuterà in numerose occasioni. In una nota del giugno 1935, indirizzata ai Consolati italiani di Francia, Svizzera, Belgio, Spagna, Olanda e Germania, il direttore della polizia politica italiana sospetta che Barbieri sia una sorta di "consulente militare" degli anarchici e che nei suoi continui spostamenti assista i compagni nella preparazione di esplosivi. La polizia fascista, che lo segue molto da vicino, gli attribuisce la partecipazione a una serie di attentati in Costa azzurra e a Lione. Non mancano seri dissidi, in particolare quando viene accusato dai compagni di aver sperperato dei fondi destinati alla sovvenzione del Comitato per le vittime politiche (vedi Tinti*). Il 29 agosto 1935 parte per le Baleari, espulso ritorna brevemente a Ginevra e nel luglio 1936 parte con la Corsinovi, Giua ed altri fuorusciti, recandosi in Spagna, come miliziano nella Prima Colonna italiana dell'Ascaso, dove combatte a Monte Pelato. In seguito dirige a Barcellona, collaborando strettamente con Berneri, il Servizio di sicurezza della colonna italiana (ufficiale di collegamento tra gli alti vertici e la base dei combattenti).

Con Berneri viene prelevato nella sua abitazione di Barcellona da agenti dell'UGT (?) (comunque stalinisti) alla fine dei moti del maggio 1937: poche ore dopo entrambi sono ritrovati crivellati di colpi.


FONTI:

GB // DBAI // Antonio Orlando e Angelo Pagliaro "Chico il professore. Vita e morte di Francesco Barbieri, l'anarchico dei due mondi", zero in condotta &La Fiaccola, 2013 //




CRONOLOGIA: